Aeroporto di Peretola: l’emergenza climatica solo a parole

La telenovela sull'ampliamento dell'aeroporto di Peretola continua, puntata dopo puntata. Del resto, difendere l'indifendibile non può che produrre lungaggini burocratiche, con gli enti preposti alla decisione di avvio lavori che si rimpallano, di volta in volta, la responsabilità di un progetto che fa acqua da tutte le parti.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]La tele­no­ve­la sul­l’am­plia­men­to del­l’ae­ro­por­to di Pere­to­la con­ti­nua, pun­ta­ta dopo pun­ta­ta. Del resto, difen­de­re l’in­di­fen­di­bi­le non può che pro­dur­re lun­gag­gi­ni buro­cra­ti­che, con gli enti pre­po­sti alla deci­sio­ne di avvio lavo­ri che si rim­pal­la­no, di vol­ta in vol­ta, la respon­sa­bi­li­tà di un pro­get­to che fa acqua da tut­te le par­ti. O meglio, che rischia di esse­re som­mer­so dal­l’ac­qua, dato l’e­le­va­to rischio idro­geo­lo­gi­co pre­sen­te nel­l’a­rea in cui dovreb­be esse­re rea­liz­za­ta la nuo­va pista aeroportuale.

Dopo l’an­nul­la­men­to a mag­gio del­la Valu­ta­zio­ne d’im­pat­to ambien­ta­le (fir­ma­ta nel dicem­bre 2017 dai mini­stri Gal­let­ti e Fran­ce­schi­ni, lo stes­so gior­no del­lo scio­gli­men­to del­le Came­re) da par­te del Tar del­la Tosca­na, in quan­to «non con­te­ne­va quel gra­do di det­ta­glio mini­mo e suf­fi­cien­te affin­ché il Mini­ste­ro dell’Ambiente addi­ve­nis­se ad una cor­ret­ta valu­ta­zio­ne di com­pa­ti­bi­li­tà ambien­ta­le, non essen­do­si indi­vi­dua­ti com­piu­ta­men­te le ope­re da rea­liz­za­re», è di que­sti gior­ni la noti­zia che i due mini­ste­ri com­pe­ten­ti nel­la pro­ce­du­ra di Via (Ambien­te e Cul­tu­ra) e l’En­te nazio­na­le del­l’a­via­zio­ne civi­le (Enac) han­no deci­so di non appog­gia­re il ricor­so al Con­si­glio di Sta­to, già pre­sen­ta­to dal­l’Av­vo­ca­tu­ra del­lo Sta­to, che sarà inve­ce sup­por­ta­ta dai ricor­si di Regio­ne Tosca­na e Comu­ne di Firen­ze. 

La que­stio­ne è, evi­den­te­men­te, fin trop­po poli­ti­ca, nel sen­so che i Cin­que Stel­le (i mini­ste­ri coin­vol­ti nel­la vicen­da sono sot­to la loro respon­sa­bi­li­tà), nel ten­ta­ti­vo di recu­pe­ra­re con­sen­so a livel­lo nazio­na­le, da un lato, e di pla­ca­re gli ani­mi del­la base tosca­na da sem­pre con­tra­ria all’o­pe­ra, dal­l’al­tro, han­no in sostan­za fat­to mar­cia indie­tro rispet­to al via libe­ra al master­plan di Tosca­na Aero­por­ti, dato dal mini­stro Toni­nel­li solo ad apri­le di que­st’an­no. Tut­ta­via, non si può non acco­glie­re con favo­re la noti­zia, a cui han­no con­tri­bui­to non poco tut­ti colo­ro (comi­ta­ti, asso­cia­zio­ni, movi­men­ti, for­ze poli­ti­che, enti loca­li) che in que­sti anni si sono mobi­li­ta­ti con­tro la rea­liz­za­zio­ne del­la nuo­va pista di Pere­to­la. Un risul­ta­to che, peral­tro, iso­la anco­ra di più la Regio­ne, il pre­si­den­te Ros­si, non­ché il PD che, in defi­ni­ti­va, si tro­va sem­pre sul­le stes­se posi­zio­ni del­la Lega quan­do si trat­ta di difen­de­re inte­res­si eco­no­mi­ci impor­tan­ti, anche a sca­pi­to del­la tute­la dell’ambiente.

Fat­to che con tut­ta evi­den­za suo­na male, anzi, sto­na pro­prio, con la dichia­ra­zio­ne di emer­gen­za cli­ma­ti­ca del Con­si­glio regio­na­le tosca­no di soli due mesi fa. Dichia­ra­re lo sta­to di emer­gen­za cli­ma­ti­ca com­por­ta, infat­ti, l’as­sun­zio­ne di una pre­ci­sa respon­sa­bi­li­tà poli­ti­ca, in linea con gli obiet­ti­vi del­l’Ac­cor­do di Pari­gi sul cli­ma, sot­to­scrit­to anche dal­l’I­ta­lia. Dichia­ra­re lo sta­to di emer­gen­za cli­ma­ti­ca signi­fi­ca rico­no­sce­re la lot­ta al cam­bia­men­to cli­ma­ti­co, con i suoi ine­vi­ta­bi­li gra­vi effet­ti ambien­ta­li e socia­li, e la tran­si­zio­ne ver­so un’e­co­no­mia soste­ni­bi­le come la prio­ri­tà asso­lu­ta del pre­sen­te e dei pros­si­mi anni. Dichia­ra­re lo sta­to di emer­gen­za cli­ma­ti­ca signi­fi­ca ado­pe­rar­si a sen­si­bi­liz­za­re sul­la situa­zio­ne cli­ma­ti­ca attua­le, sui rischi che stia­mo cor­ren­do, sul poco tem­po che rima­ne per evi­ta­re l’irreparabile.

La dichia­ra­zio­ne del­lo sta­to di emer­gen­za cli­ma­ti­ca è una solen­ne pre­sa di coscien­za, che deve neces­se­ria­men­te com­por­ta­re impe­gni pre­ci­si, atti con­cre­ti, ope­re di adat­ta­men­to. E, inve­ce, è noto che l’attuazione del pro­get­to aero­por­tua­le di Pere­to­la impat­ta pesan­te­men­te sul­l’in­te­ro eco­si­ste­ma del­la Pia­na fio­ren­ti­na, vani­fi­can­do di fat­to il par­co agri­co­lo. Il pro­get­to, oltre a dan­neg­gia­re l’Oa­si Wwf di Foco­gna­no, pro­vo­che­reb­be un ele­va­to rischio idro­geo­lo­gi­co all’in­ter­no del­la Pia­na. La sua attua­zio­ne, infat­ti, pre­ve­de la devia­zio­ne del Fos­so Rea­le, un cor­so d’ac­qua di cir­ca 6 km che attra­ver­sa i comu­ni di Sesto Fio­ren­ti­no e Cam­pi Bisen­zio, rea­liz­za­to in epo­ca medi­cea per rac­co­glie­re e regi­men­ta­re le acque dei nume­ro­si pic­co­li cana­li, sog­get­ti a fre­quen­ti stra­ri­pa­men­ti. Que­sto cin­que seco­li fa, e oggi? «Oggi il rischio inon­da­zio­ni e il loro por­ta­to di mor­te e distru­zio­ne è in for­te incre­men­to, in quan­to le piog­ge tor­ren­zia­li da record han­no subi­to un’im­pen­na­ta negli ulti­mi decen­ni, a cau­sa del riscal­da­men­to glo­ba­le e in par­ti­co­la­re del mag­gio­re imma­gaz­zi­na­men­to di acqua nel­l’at­mo­sfe­ra che si veri­fi­ca all’au­men­ta­re del­le tem­pe­ra­tu­re», sot­to­li­ne­na­no gli scien­zia­ti del Potsdam Insti­tu­te for Cli­ma­te Impact Research.

In con­clu­sio­ne, dichia­ra­re lo sta­to di emer­gen­za cli­ma­ti­ca dovreb­be impli­ca­re il pre­va­le­re del­la que­stio­ne pla­ne­ta­ria del cam­bia­men­to cli­ma­ti­co e dei suoi dan­ni irre­ver­si­bi­li alle con­di­zio­ni per la vita uma­na sugli inte­res­si di bot­te­ga del sovra­ni­smo fio­ren­ti­no. Oltre­tut­to, tesi ad aumen­ta­re in modo con­si­sten­te il traf­fi­co aereo nel capo­luo­go tosca­no. Se lo sapes­se Greta.

Ema­nue­la Amendola[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.