8 referendum per un’altra idea di futuro: mettiamoci la firma!

Deci­ne di miglia­ia di ita­lia­ni stan­no fir­man­do per­ché nel pros­si­mo giu­gno si ten­ga­no 8 refe­ren­dum su temi impor­tan­ti per la vita e il futu­ro di tut­ti noi, tre dei qua­li su mate­rie ambien­ta­li. In un appel­lo die­ci figu­re rap­pre­sen­ta­ti­ve del mon­do eco­lo­gi­sta chie­do­no ad asso­cia­zio­ni, comi­ta­ti, grup­pi impe­gna­ti sui temi del­l’am­bien­te e del­la soste­ni­bi­li­tà di mobi­li­tar­si con for­za per taglia­re entro fine set­tem­bre il tra­guar­do del­le cin­que­cen­to­mi­la fir­me, soglia mini­ma per giun­ge­re al voto.

Que­sti i fir­ma­ta­ri (insie­me a chi scri­ve): Moni­ca Fras­so­ni copre­si­den­te del Par­ti­to Ver­de Euro­peo, Giu­si Nico­li­ni sin­da­ca di Lam­pe­du­sa, Ros­sel­la Muro­ni diret­tri­ce gene­ra­le di Legam­bien­te, Anna Dona­ti ambien­ta­li­sta esper­ta di mobi­li­tà e infra­strut­tu­re, Mario Toz­zi geo­lo­go e com­mis­sa­rio del Par­co del­l’Ap­pia Anti­ca, Gian­ni Sil­ve­stri­ni diret­to­re scien­ti­fi­co del Kyo­to Club, Mar­co Boschi­ni blog­ger e atti­vi­sta ambien­ta­le, Pao­la Nata­lic­chio sin­da­co di Molfetta.

Cosa si chie­de con gli 8 refe­ren­dum? Si chie­de se sia sen­sa­ta una “rifor­ma” del­la scuo­la che si illu­de di risol­ver­ne pro­ble­mi con i pre­si­di mana­ger, o la scel­ta con­te­nu­ta nel “Jobs Act” di ridur­re le garan­zie a tute­la di chi lavo­ra. Se la leg­ge elet­to­ra­le appe­na appro­va­ta rispet­ti o meno i dirit­ti costi­tu­zio­na­li e demo­cra­ti­ci del­le mino­ran­ze. Se vada bene la scel­ta del gover­no Ren­zi di semi­na­re in giro per il Pae­se, mare com­pre­so, miglia­ia di tri­vel­le per estrar­re petro­lio, cioè di “rema­re con­tro” la rivo­lu­zio­ne ener­ge­ti­ca in atto in tut­to il mon­do che pun­ta inve­ce su effi­cien­za e rin­no­va­bi­li e ridu­ce ogni gior­no l’u­ti­liz­zo del­le fon­ti fos­si­li. Infi­ne, si chie­de se non sia una buo­na idea can­cel­la­re la Leg­ge Obiet­ti­vo sul­le gran­di ope­re vara­ta a suo tem­po dal gover­no Ber­lu­sco­ni: leg­ge che il giu­di­ce Can­to­ne ha defi­ni­to cri­mi­no­ge­na, che ha finan­zia­to negli anni qua­si sol­tan­to auto­stra­de e altre infra­strut­tu­re e ambien­tal­men­te deva­stan­ti tipo il TAV Tori­no-Lio­ne, che tra cor­ru­zio­ne e spre­chi ha sot­trat­to risor­se pre­zio­se alle ope­re pic­co­le e gran­di indi­spen­sa­bi­li per met­te­re in sicu­rez­za il nostro ter­ri­to­rio e per dare agli ita­lia­ni ser­vi­zi pub­bli­ci — dai tra­spor­ti alle acque — effi­cien­ti e sicuri.

La cam­pa­gna refe­ren­da­ria sta aven­do suc­ces­so, mal­gra­do il silen­zio pres­so­ché tota­le dei gran­di media: una vera cen­su­ra che pur­trop­po nel caso dei refe­ren­dum non è una novi­tà, ma che que­sta vol­ta ha toc­ca­to vet­te incre­di­bi­li tan­to da indur­re i pro­mo­to­ri a invia­re una segna­la­zio­ne all’A­g­com. Ora comun­que si trat­ta di cor­re­re l’ul­ti­mo miglio, cen­tran­do entro fine set­tem­bre l’o­biet­ti­vo del­le cin­que­cen­to­mi­la fir­me neces­sa­rie per sot­to­por­re i que­si­ti refe­ren­da­ri al giu­di­zio di legit­ti­mi­tà del­la Cor­te Costi­tu­zio­na­le e poi per arri­va­re al voto nel­la pros­si­ma primavera.

In par­ti­co­la­re per ciò che riguar­da i refe­ren­dum di argo­men­to ambien­ta­le, in gio­co c’è mol­to di più del­l’a­bro­ga­zio­ne di leg­gi sba­glia­te: c’è una diver­sa idea di svi­lup­po, di orga­niz­za­zio­ne socia­le da quel­la segui­ta da tut­ti gli ulti­mi gover­ni. Insom­ma un’i­dea diver­sa di futu­ro, la sola in gra­do costrui­re auten­ti­co benes­se­re e fron­teg­gia­re i gran­di rischi ambien­ta­li pla­ne­ta­ri a comin­cia­re dai cam­bia­men­ti climatici.

Noi pen­sia­mo che l’I­ta­lia abbia un’u­ni­ca vera car­ta per supe­ra­re la cri­si di que­sti anni ed evi­ta­re il decli­no: met­ter­si alla gui­da di quel­la par­te del mon­do che sta met­ten­do l’am­bien­te, la soste­ni­bi­li­tà al cen­tro del suo modo di pro­dur­re, di con­su­ma­re. Abbia­mo più di altri la pos­si­bi­li­tà di far­lo, lo dimo­stra­no miglia­ia di impre­se che dal­l’e­ner­gia puli­ta alla chi­mi­ca ver­de, dal rici­clag­gio dei rifiu­ti ai nuo­vi mate­ria­li han­no scom­mes­so sul “green” e anche per que­sto han­no ret­to meglio degli altri all’ur­to del­la cri­si eco­no­mi­ca e spes­so, mal­gra­do la cri­si, sono cre­sciu­te in dimen­sio­ni, in occu­pa­zio­ne e in capa­ci­tà competitiva.

Ma que­sta sfi­da non riguar­da solo l’e­co­no­mia, anzi se resta limi­ta­ta alle impre­se vir­tuo­se è una sfi­da per­sa. Per vin­cer­la ser­vo­no poli­ti­che pub­bli­che di radi­ca­le cam­bia­men­to: che spin­ga­no la nuo­va ener­gia e sacri­fi­chi­no un po’ del­la vec­chia, che nel­la scel­ta del­le infra­strut­tu­re da rea­liz­za­re ten­ga­no con­to più dei biso­gni dei cit­ta­di­ni che degli appe­ti­ti di qual­che lob­by poten­te. Ser­ve, cioè, l’e­sat­to con­tra­rio di quan­to fat­to fino­ra dal gover­no Ren­zi e dal­la sua mag­gio­ran­za: che ha lan­cia­to un gran­de pia­no di tri­vel­la­zio­ni petro­li­fe­re a ter­ra e in mare, non si è sogna­to di toc­ca­re la Leg­ge Obiet­ti­vo e inve­ce insi­ste su scel­te costo­sis­si­me e dan­no­se (la Tori­no-Lio­ne su tut­te), che anzi­ché pro­muo­ve­re la moder­niz­za­zio­ne del ciclo dei rifiu­ti — ridu­zio­ne, recu­pe­ro, riu­so, rici­clag­gio — ha pre­vi­sto con una nor­ma recen­te la costru­zio­ne di dodi­ci nuo­vi ince­ne­ri­to­ri di rifiuti.

Dice­va­mo e ripe­tia­mo: ora c’è da cor­re­re l’ul­ti­mo miglio per giun­ge­re dav­ve­ro alla con­vo­ca­zio­ne dei refe­ren­dum. Per taglia­re il tra­guar­do del­le cin­que­cen­to­mi­la fir­me occor­re l’im­pe­gno di tut­ti colo­ro che la pen­sa­no, sui temi ogget­to dei que­si­ti refe­ren­da­ri, come noi: asso­cia­zio­ni ambien­ta­li­ste, comi­ta­ti che si bat­to­no con­tro le tri­vel­la­zio­ni e le gran­di ope­re anti-ambien­ta­li, cit­ta­di­ni con­vin­ti che il “green new deal” pro­po­sto dagli eco­lo­gi­sti in tut­ta Euro­pa sia per l’I­ta­lia una pro­spet­ti­va tan­to più neces­sa­ria e pro­met­ten­te. Ci sono anco­ra tre set­ti­ma­ne per offri­re agli ita­lia­ni una scel­ta di vero, radi­ca­le, posi­ti­vo cam­bia­men­to: met­tia­mo­ci la firma!

Rober­to Del­la Seta e Fran­ce­sco Ferrante

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.