300.000 volte grazie: il nostro impegno non finisce qui

Schermata 2015 10 02 alle 08.06.061

Schermata 2015-10-02 alle 08.06.06Gli ultimi giorni sono stati, per le volontarie e i volontari arrivati a Roma da tutte le province italiane, giorni molto intensi, spesi tra timbri da controllare, firme da contare, moduli da catalogare. Sin dalla notte tra martedì e mercoledì, però, è apparso evidente che il traguardo delle 500.000 firme non sarebbe stato raggiunto. Il conteggio sta proseguendo tuttora in via di Portonaccio, presso la sede del comitato: poco più di trecentomila sono state contate, mentre altre sono ancora in viaggio, e ovviamente nei prossimi giorni pubblicheremo su referendum.possibile.com cifre più precise, complessive e divise per zona.

Nonostante il rammarico per non avercela fatta, nonostante i numeri sanciscano il non raggiungimento del nostro obiettivo, il sentimento che abbiamo riscontrato nei volti delle ragazze e dei ragazzi giunti a Roma, nei commenti sui social network e nelle ultime telefonate è un sentimento di gioia e soddisfazione per aver partecipato alla più grande mobilitazione politica degli ultimi tempi, una mobilitazione nata dai cittadini e per i cittadini, e fondata su contenuti e proposte. Una mobilitazione autofinanziata e finita sui telegiornali solo perché, a un certo punto, era impossibile ignorarla. Un risultato assolutamente straordinariocome ha scritto Pippo Civati, frutto di una mobilitazione capillare e generosa, per la quale ringraziamo i 10.000 attivisti che hanno presidiato oltre 1.000 piazze italiane, le cui immagini restano impresse nella memoria di tutti noi. Eravamo convinti che la situazione imponesse di mobilitarsi adesso, senza attendere, e che là fuori vi fosse una domanda, una richiesta di partecipazione non soddisfatta: l’assalto ai banchetti degli ultimi weekend e la firma di centinaia di migliaia di cittadini ci dicono che avevamo ragione, e che solo la mancanza di tempo ha impedito il raggiungimento del risultato. Per questo rivendichiamo la nostra scelta, la rifaremmo, e scegliamo di proseguire il nostro impegno.

Noi andiamo avanti, e per questo motivo vi invitiamo a tornare in piazza il prossimo weekend, a cercarci di nuovo: noi ci saremo per spiegare cosa abbiamo fatto e come lo abbiamo fatto, per festeggiare e per ringraziare chi ha ha fatto firmare e chi ha firmato i nostri quesiti, e chi avrebbe voluto farlo ma non ha fatto in tempo. Per passare dall’abrogazione alla proposta, chiederemo a tutti di restare in contatto: vi chiederemo una firma, questa volta per il referendum del futuro, la disponibilità a esserci nelle prossime campagne, in previsione delle prossime sfide da affrontare assieme, e raccoglieremo le vostre proposte per migliorare la legge di stabilità e per arricchire il percorso costituente di Possibile.

Ci vediamo nelle piazze delle vostre città, sabato 3 e domenica 4 ottobre.  

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati

% Commenti (1)

[…] – L’associazione Possibile, di Pippo Civati, si è fatta promotore, nei mesi di agosto e settembre degli 8 referendum […]

I Commenti sono chiusi.