Un nuovo mondo (=) Politicamp 2015: il programma dei tre giorni

 

11542108_474301556079287_8370699620800419433_n

Solo due gior­ni all’i­ni­zio di Un nuo­vo mon­do (=) Poli­ti­camp 2015, sesta edi­zio­ne inti­to­la­ta ad Ale­xan­der Lan­ger e dedi­ca­ta ai temi del­l’inno­va­zio­ne e del­la par­te­ci­pa­zio­ne (in par­ti­co­la­re attra­ver­so la pre­sen­ta­zio­ne e il lan­cio dei refe­ren­dum su Ita­li­cum, Jobs Act, Sbloc­ca Ita­lia e Buo­na Scuola).

Ci vedia­mo vener­dì, a par­ti­re dal­le ore 17 , saba­to dal mat­ti­no alla sera e dome­ni­ca dal­le 10 fino al pri­mo pome­rig­gio, alla Limo­na­ia di Vil­la Stroz­zi a Firen­ze (a pochi pas­si dal­la cen­tra­lis­si­ma sta­zio­ne di San­ta Maria Novella).

All’in­ter­no i tavo­li di lavo­ro (aper­ti a tut­ti, basta pre­sen­tar­si in loco), dedi­ca­ti all’e­la­bo­ra­zio­ne del­le pro­po­ste per chi desi­de­ra par­te­ci­pa­re alle cam­pa­gne e alla costru­zio­ne del­le pro­po­ste di Pos­si­bi­le. Sono aper­ti alla par­te­ci­pa­zio­ne di tut­ti, con il coor­di­na­men­to di mem­bri dei comi­ta­ti scien­ti­fi­co e orga­niz­za­ti­vo e di altri esper­ti e mili­tan­ti che ci han­no segna­la­to la loro voglia di contribuire.

Lo stes­so per le con­fe­ren­ze, sud­di­vi­se per argo­men­ti che si svol­ge­ran­no sul pal­co ester­no e che vedran­no alter­nar­si testi­mo­nian­ze di addet­ti ai lavo­ri e di cit­ta­di­ni, pro­fes­sio­ni­sti, impren­di­to­ri, ope­ra­to­ri socia­li, ammi­ni­stra­to­ri, mili­tan­ti che ci han­no segna­la­to la loro sto­ria in que­sti gior­ni. Ecco di segui­to il pro­gram­ma sin qui:

 

TAVOLI DI LAVORO 

Vener­dì dal­le 17 alle 20 e saba­to alle 12

Refe­ren­dum — La pro­po­sta refe­ren­da­ria, i que­si­ti, l’or­ga­niz­za­zio­ne del­la campagna
con Mar­co Gugliel­mo, Andrea Per­ti­ci, Ste­fa­no Poce, Ales­sio Ruta

Dirit­ti — Qua­li­tà del­la vita, pari oppor­tu­ni­tà per tutti
con Bea­tri­ce Bri­gno­ne, Gian­mar­co Capo­gna, Luca Coc­co­li, Anto­nio Garul­lo, Fran­ce­sca Ali­ce Gui­da­li, Iaco­po Melio, Danie­la Mer­co­rel­li, Sil­via Pede­mon­te, Lui­sa Riz­zi­tel­li, Sonia Veres

Par­te­ci­pa­zio­ne e orga­niz­za­zio­ne — La for­mu­la Possibile
con Tho­mas Castan­gia, Pao­lo Cos­sed­du, Cri­stia­na Fra­scio, Rober­to Iovi­no, Ser­gio Min­ni, Fran­ce­sco Pighet­ti, Gian­ni Prin­ci­pe, Gaspa­re Righi

Can­na­bis lega­le — La leg­ge del­l’in­ter­grup­po, la cam­pa­gna del­la Nazio­na­le Antiproibizionisti
con Gabrie­le Gui­di, Tan­cre­di Turco

Abi­ta­re socia­le — La casa, le leg­gi, la politica
con Eleo­no­ra Bechis, Mas­si­mo Pasqui­ni, David Tozzo

Cit­ta­di­nan­za, immi­gra­zio­ne e Rom — La cam­pa­gna roma­na, l’al­ter­na­ti­va alla ruspa
con Ales­san­dra Bal­le­ri­ni, Lore­da­na Bor­die­ri, Ste­fa­no Cato­ne, Anna Fal­co­ne, Ric­car­do Magi

Red­di­to mini­mo — Le pro­po­ste in cam­po, la sin­te­si necessaria
con Giu­sep­pe Alle­gri, Mar­co Bal­das­sar­re, Enri­co Buf­fa­gni, Lui­gi Corvo

Comu­ni e comu­ne — Il civi­smo, l’au­to­no­mia, la sostenibilità
con Vito Bur­gio, Fran­ce­sco Fio­re, Gian­pao­lo Mala­te­sta, Mas­si­mo Mat­teo­li, Luca Pasto­ri­no, Mar­cel­lo Pupillo

Effi­cien­za o defi­cien­za? — Per una nuo­va poli­ti­ca ambientale
con Anna­li­sa Cor­ra­do, Clau­dio Fer­ra­ri, Ser­gio Fer­ra­ris, Giu­lia­no Gra­zia­ni, Simo­ne Lari­ni, Luca Pon­ta­ni, Ana­cle­to Riz­zo, Gian­lu­ca Rug­gie­ri, Ezio Viglietti

Dirit­ti lavo­ro eco­no­mia — Una leg­ge di sta­bi­li­tà diver­sa, la pro­po­sta per il lavoro
con Anto­nio Cec­can­ti­ni, Miche­la Cel­la, Loren­zo Cimi­no, Ila­ria Lani, Giu­lia­na Mesi­na, Mar­co Mori, Ema­nue­le Pica, Gian­ni Prin­ci­pe, Miche­le Rai­ta­no, Fran­ce­sco Sinopoli,

Scuo­la non buo­na — La cam­pa­gna prosegue
con Bru­nel­la Alche­ri­gi, Fabri­zio Boc­chi­no, Bru­no Dal Bon, Clau­dia Fab­bri, Gio­van­ni Nava­le­si, Chri­stian Rai­mo, Andrea Ranie­ri, Simo­ne Traina

Cam­pa­gna crea­ti­vi — Ope­ra­zio­ne New­sroom e nuo­vi codici
con Franz Foti, Davi­de Sera­fin, Simo­ne Tran­quil­li, Enri­co Veronese

 

LE CONFERENZE

Vener­dì ore 21
Inno­va­zio­ne cul­tu­ra­le e socia­le e politica
Mari­na Ter­ra­gni (in ricor­do di Ale­xan­der Lan­ger), Lui­gi Cor­vo, Rober­to Covo­lo, Adam Arvids­son, Chri­stian Rai­mo, Mar­co Gen­ti­li, Pao­lo Cosseddu

Saba­to ore 10
Con­ver­sio­ne ecologica
Fran­ce­sco Ber­to­li­ni, Rober­to Del­la Seta, Pao­lo Sini­ga­glia, Adria­no Zac­ca­gni­ni, Rober­to Chec­cuc­ci, Gian­lu­ca Ruggieri

ore 12
Ripre­sa tavo­li di lavoro

ore 15
Impre­sa e lavo­ro per cre­sce­re tutti
Luca Gnan, Edoar­do Mol­lo­na, Fran­ce­sca Pesce, Miche­le Rai­ta­no, Giu­lia­na Mesi­na, Gusta­vo Piga, Miche­la Cella

ore 18
Inda­gi­ne sul Sud
Clau­dio Fava, Artu­ro Scot­to, Valen­ti­na Spata

ore 21
Il futu­ro euro­peo a tem­po debito
Ser­gio Cof­fe­ra­ti, Mar­co Revel­li, Pao­lo Fer­re­ro, Maria Pia Piz­zo­lan­te, Cri­sti­na Scar­fia, Elly Schlein

Dome­ni­ca  ore 10
W la Repub­bli­ca! Demo­cra­zia e sovranità
Toma­so Mon­ta­na­ri, Andrea Per­ti­ci, Pier­fran­co Pel­liz­zet­ti, Tom­ma­so Fat­to­ri, Ste­fa­no Fas­si­na, Mas­si­mo Arti­ni, Pao­la Nata­lic­chio, Bea­tri­ce Brignone

Giu­sep­pe Civati

(=)

PS: I ser­vi­zi che tro­ve­re­te al Poli­ti­camp (un bre­ve riassunto):
— come arri­va­re e dove dor­mi­re, a que­sto link
— l’ac­ces­so al par­co del­la Limo­na­ia è vie­ta­to alle auto
— all’in­ter­no del­la Limo­na­ia sarà atti­vo un ser­vi­zio cate­ring per tut­ti i tre gior­ni, i buo­ni pasto sono in ven­di­ta al desk regi­stra­zio­ne posto all’in­gres­so; è atti­vo anche un ser­vi­zio bar
— saran­no atti­vi un ser­vi­zio per il tes­se­ra­men­to a Pos­si­bi­le e un info point sui referendum
— le fami­glie con bam­bi­ni sono ben­ve­nu­te, abbia­mo infat­ti alle­sti­to un ser­vi­zio di labo­ra­to­ri e ani­ma­zio­ne per tut­ta la dura­ta del Camp, con ope­ra­to­ri professionisti
— sarà pre­sen­te una cas­set­ta per le offer­te e un pun­to ven­di­ta di libri e ogget­ti: il vostro con­tri­bu­to (anche donan­do a que­sto link) è fon­da­men­ta­le per aiu­tar­ci a orga­niz­za­re il Camp e tut­te le nostre attività.

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.