Sicilia, culla del Partito della Nazione

Qualcuno ha deciso finalmente di togliere il velo dalle apparenze per puntare al cuore del problema, guardando dritto negli occhi la realtà dei fatti: il partito della Nazione, in Sicilia, esiste già da tempo.
Schermata-2016-02-04-alle-14.58.14

Qual­cu­no ha deci­so final­men­te di toglie­re il velo dal­le appa­ren­ze per pun­ta­re al cuo­re del pro­ble­ma, guar­dan­do drit­to negli occhi la real­tà dei fat­ti: il par­ti­to del­la Nazio­ne, in Sici­lia, esi­ste già da tem­po.

La Sici­lia, da sem­pre labo­ra­to­rio poli­ti­co, ha fat­to suo l’input ren­zia­no secon­do cui “il Par­ti­to Demo­cra­ti­co a voca­zio­ne mag­gio­ri­ta­ria deve con­te­ne­re real­tà diver­se”. Per velo­ciz­za­re il pro­ces­so non rima­ne che espel­le­re quel­la mino­ran­za di sini­stra, anco­ra pre­sen­te nel PD sep­pur ostra­ciz­za­ta, osti­le al progetto.

Il luci­do pia­no di Ren­zi, che mol­ti si osti­na­no a non capi­re, mira ad archi­via­re la tra­di­zio­ne social­de­mo­cra­ti­ca al fine di fare pro­se­li­ti nell’elettorato di cen­tro — destra e costrui­re un’ege­mo­nia poli­ti­ca attor­no alla figu­ra di un lea­der cari­sma­ti­co.

Alla gui­da del Par­ti­to Demo­cra­ti­co sici­lia­no, ribat­tez­za­to non a caso “tran­sa­tlan­ti­co”, c’è il Sot­to­se­gre­ta­rio al MIUR Davi­de Farao­ne, fede­lis­si­mo di Ren­zi, che dopo una serie di mano­vre di per­cor­so è riu­sci­to a far imbar­ca­re, sen­za alcun pro­ble­ma di tipo iden­ti­ta­rio, uomi­ni di Lom­bar­do, ex del­fi­ni di Ber­lu­sco­ni, demo­cri­stia­ni di ogni natu­ra e per­fi­no gli ere­di poli­ti­ci di Cuf­fa­ro. A cau­sa del­le vicen­de giu­di­zia­rie dei Gover­na­to­ri pre­ce­den­ti, accu­sa­ti di favo­reg­gia­men­to alla mafia, sono “cadu­te” due ammi­ni­stra­zio­ni regio­na­li di cen­tro­de­stra ma gli uomi­ni di ieri (quel­li del 61 a zero) arri­va­no nell’“accogliente” par­ti­to di oggi, costi­tuen­do di fat­to il Par­ti­to del­la Nazio­ne, tut­ti insie­me appas­sio­na­ta­men­te, sen­za valo­ri, sen­za iden­ti­tà alcu­na e sen­za un pas­sa­to da ricordare.

In pri­ma­ve­ra i riflet­to­ri saran­no pun­ta­ti sul­le gran­di cit­tà (Roma, Mila­no e Napo­li), dove il par­ti­to del­la nazio­ne dovreb­be fare la sua par­te, ma in Sici­lia le pro­ve tec­ni­che sono già anda­te a buon fine quan­do alle scor­se ammi­ni­stra­ti­ve di Agri­gen­to, cit­tà del Mini­stro Ange­li­no Alfa­no, il Par­ti­to del­la Nazio­ne si è cata­liz­za­to attor­no alla can­di­da­tu­ra e all’elezione del Sin­da­co Calo­ge­ro Firet­to, soste­nu­to dal Pd, da Ncd e da altri espo­nen­ti del­la destra sici­lia­na.

Men­tre in altre regio­ni si pen­sa ad allean­ze e ad accor­di vela­ti tra il Pd di Ren­zi e il cen­tro destra, in Sici­lia la gover­nan­ce regio­na­le e nazio­na­le del PD apre le por­te ad inte­ri movi­men­ti di destra. Piut­to­sto emble­ma­ti­co in tal sen­so è il caso del movi­men­to “Arti­co­lo 4”, vici­no all’ex Gover­na­to­re Raf­fae­le Lom­bar­do, che esat­ta­men­te un anno fa è sta­to accol­to dal Pd con il Sot­to­se­gre­ta­rio Davi­de Farao­ne, il Segre­ta­rio regio­na­le Fau­sto Raci­ti e il vice segre­ta­rio nazio­na­le Loren­zo Gue­ri­ni a fun­ge­re da otti­mi anfitrioni.

Il Par­ti­to del­la Nazio­ne tro­va tut­ta­via la sua mas­si­ma espres­sio­ne all’interno del­la giun­ta regio­na­le dove sono sta­ti nomi­na­ti asses­so­ri i diri­gen­ti dell’Udc e per­so­ne vici­ne all’ex Pre­si­den­te del­la Regio­ne Raf­fae­le Lom­bar­do, per non par­la­re di un asses­so­re defi­ni­to “tec­ni­co” ma mol­to vici­no all’Ncd e pre­ci­sa­men­te al sot­to­se­gre­ta­rio Casti­glio­ne. In Sici­lia tro­va espres­sio­ne anche un altro trat­to distin­ti­vo del modus ope­ran­di ren­zia­no: la figu­ra del segre­ta­rio nazio­na­le qua­le domi­nus che dall’alto tut­to osser­va e tut­to con­trol­la. Nono­stan­te Cro­cet­ta sia anco­ra il Pre­si­den­te del­la Regio­ne, nei fat­ti è sta­to silen­zio­sa­men­te com­mis­sa­ria­to da Ren­zi, attra­ver­so i suoi uomi­ni e soprat­tut­to il suo fede­lis­si­mo asses­so­re al bilan­cio. Ha mes­so in mino­ran­za la sini­stra del Pd, che pri­ma era mag­gio­ran­za, attra­ver­so l’ingresso di un pez­zo con­si­sten­te del cen­tro destra in cam­bio di una distri­bu­zio­ne di ruo­li e inca­ri­chi da manua­le Cen­cel­li. Tut­to que­sto apri­rà sce­na­ri ina­spet­ta­ti alle pros­si­me regio­na­li per­ché se non si è anco­ra capi­to la Sici­lia è la chia­ve por­tan­te del­la nasci­ta, a livel­lo nazio­na­le, del cosid­det­to Par­ti­to del­la Nazione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.