Referendum: giù le mani da Berlinguer

Il trucco è sempre lo stesso: una veloce googlata tra i discorsi del prescelto di turno e poi l’estrapolazione (sempre piuttosto semplicistica) di qualche frase ad effetto che possa risultare funzionale alla propaganda.

È un nuo­vo must del­la nar­ra­zio­ne ren­zia­na, una di quel­le tro­va­te che capi­sci che sono sta­te orga­niz­za­te dall’alto per­ché ti ritor­na­no nei dibat­ti­ti dap­per­tut­to, ogni vol­ta, come una tiri­te­ra: «Ber­lin­guer avreb­be vota­to que­sta rifor­ma costi­tu­zio­na­le» dico­no i soste­ni­to­ri del Sì con la mise­ria di chi ha biso­gno di tro­va­re testi­mo­nial fru­gan­do nel pas­sa­to per nascon­de­re la pochez­za dei presenti.

Il truc­co è sem­pre lo stes­so: una velo­ce goo­gla­ta tra i discor­si del pre­scel­to e poi l’estrapolazione (sem­pre piut­to­sto sem­pli­ci­sti­ca) di qual­che fra­se ad effet­to che pos­sa risul­ta­re fun­zio­na­le alla pro­pa­gan­da. E così tut­ti quel­li che negli ulti­mi decen­ni si sono espres­si con­tro il bica­me­ra­li­smo per­fet­to diven­ta­no diret­ta­men­te soste­ni­to­ri del­la rifor­ma Boschi. È un tra­boc­chet­to vol­ga­re eppu­re rischia di fun­zio­na­re e per que­sto vale la pena appro­fon­di­re, stu­dia­re e smentire.

Pier­pao­lo Fari­na è uno dei più appas­sio­na­ti e pre­pa­ra­ti stu­dio­si di Enri­co Ber­lin­guer, ha fon­da­to il sito enricoberlinguer.it e ha pub­bli­ca­to un libro su Ber­lin­guer, il suo corag­gio e le sue idee (Casa per casa, stra­da per stra­da, Melam­po Edi­to­re) nel qua­le ripor­ta un arti­co­lo di Ber­lin­guer che ver­rà pub­bli­ca­to postu­mo su Rina­sci­ta il 16 giu­gno 1984 e che rap­pre­sen­ta il suo testa­men­to poli­ti­co:

Ormai tut­ti vedo­no che le coa­li­zio­ni che pren­do­no vita alle spal­le del Par­la­men­to, che i gover­ni che non voglio­no e non san­no gover­na­re con e attra­ver­so il Par­la­men­to, che sono il pro­dot­to di que­sti mec­ca­ni­smi e di que­sti meto­di consun­ti, e dive­nu­ti anche peri­co­lo­si, non sono coa­li­zio­ni realmen­te soli­da­li ed effi­cien­ti. I par­ti­ti del­le mag­gio­ran­ze delimita­te che com­pon­go­no quel­le coa­li­zio­ni stan­no insie­me al go­verno spal­leg­gian­do­si per poter con­ser­va­re il loro pote­re sul­le isti­tu­zio­ni e sul­la società, ma cia­scu­no è domi­na­to dal­la pau­ra che un altro lo scavalchi.

   E allo­ra si va alle ben note «veri­fi­che», dopo le qua­li, tut­ta­via, quel­le coa­li­zio­ni resta­no egual­men­te divi­se, con­ti­nua­no a cova­re con­tra­sti, dai qua­li pos­so­no veni­re o oscil­la­zio­ni, incer­tez­ze e para­li­si dei gover­ni, ovve­ro pole­mi­che e lace­ra­zio­ni: que­ste ulti­me, però, esplo­do­no per lo più fuo­ri del Par­la­men­to (negli orga­ni di par­ti­to, nei con­ve­gni, sul­la stampa).

   Nel Par­la­men­to esse o ven­go­no arta­ta­men­te coper­te e dis­si­mu­la­te o si mani­fe­sta­no nel­la for­ma pato­lo­gi­ca dei «fran­chi tira­to­ri». Si cor­re, allo­ra, ai ripa­ri; ma, anco­ra una vol­ta, i rime­di a cui si pen­sa van­no pre­va­len­te­men­te in dire­zio­ne di un inde­bo­li­men­to dei pote­ri del Parlamento.

   Sicché la pro­fon­da esi­gen­za di resti­tui­re alle isti­tu­zio­ni la fun­zio­na­lità e il ruo­lo che spet­ta loro in una Repub­bli­ca demo­cra­ti­ca a base par­la­men­ta­re vie­ne distor­ta e tra­di­ta. Attra­ver­so alcu­ne del­le «rifor­me» di cui si sen­te oggi par­la­re si pun­ta a pie­ga­re le isti­tu­zio­ni, e per­ciò anche il Parlamen­to, al cal­co­lo di assi­cu­ra­re una sta­bi­lità e una dura­ta a gover­ni che non rie­sco­no a garan­tir­se­le per capa­cità e for­za politi­ca propria.

   Ecco la sostan­za e la rile­van­za poli­ti­ca e isti­tu­zio­na­le del­la «que­stio­ne mora­le» che noi comu­ni­sti abbia­mo posto con tan­ta decisione.

   Anche la irri­sol­ta que­stio­ne mora­le ha dato luo­go non solo a quel­la che, con un eufe­mi­smo non pri­vo di ipo­cri­sia, vie­ne chia­ma­ta la Costi­tu­zio­ne mate­ria­le, cioè quel com­ples­so di usi e di abu­si che con­trad­di­co­no la Costi­tu­zio­ne scrit­ta, ma ha aper­to anche la stra­da al for­mar­si e al dila­ga­re di pote­ri occul­ti ever­si­vi (la mafia, la camor­ra, la P2) che han­no inqui­na­to e con­di­zio­na­no tut­to­ra i pote­ri costi­tui­ti e legitti­mi fino a mina­re con­cre­ta­men­te l’esistenza stes­sa del­la no­stra Repubblica.

   Di fron­te a que­sto sta­to di cose, di fron­te a tali e tan­ti gua­sti che han­no una pre­ci­sa radi­ce poli­ti­ca, non si può pen­sa­re di con­fe­ri­re nuo­vo pre­sti­gio, effi­cien­za e pie­nez­za de­mocratica alle isti­tu­zio­ni con l’introduzione di con­ge­gni e di mec­ca­ni­smi tec­ni­ci di dub­bia demo­cra­ti­cità o con accorgi­menti che rom­pe­reb­be­ro anche for­mal­men­te l’equilibrio, la distin­zio­ne e l’autonomia (volu­ti e garan­ti­ti dal­la Costi­tu­zio­ne) tra Legi­sla­ti­vo, Ese­cu­ti­vo e Giu­di­zia­rio, e accen­tue­reb­be­ro il pre­po­te­re dei par­ti­ti sul­le istituzioni.

   Rifor­me del­le isti­tu­zio­ni vol­te a rida­re effi­cien­za e snel­lez­za al loro fun­zio­na­men­to sono cer­to neces­sa­rie. Ma esse a poco ser­vi­reb­be­ro se i par­ti­ti riman­go­no quel­lo che sono oggi, se segui­ta­no ad agi­re e a com­por­tar­si come agi­sco­no e si com­por­ta­no oggi, se non si risa­na­no, se non si rige­ne­ra­no, riac­qui­stan­do l’autenticità e la pie­nez­za del­la loro auto­no­ma fun­zio­ne ver­so la società e ver­so le istituzioni.

Ecco il pen­sie­ro di Ber­lin­guer, appun­to. L’articolo di Fari­na è qui.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?