Modello Portogruaro

FB_IMG_1448459423192

Portogruaro è una pacifica e antica cittadina del Veneto Orientale, che si è distinta questa estate come modello di accoglienza e integrazione.
Non per merito delle istituzioni, ma delle associazioni e della partecipazione spontanea di liberi cittadini – ricordate la palestra?

Portogruaro è anche un modello politico, cantiere ante-litteram del partito della nazione, in cui un sindaco scandaloso è sostenuto da una maggioranza leghista-renziana. Ostrega!

E allora perché non provarci con Possibile? Il modello politico è quello proposto da Pippo agli Stati Generali di Napoli: sperimentazione, struttura orizzontale, assemblea permanente, banchetti e web.

Provarci significa andare con fiducia, senza calcoli: fare iniziative di valore e vedere chi ci sta.

Abbiamo iniziato il 26 e 27 settembre con il banchetto di raccolta firme per i referendum. Risposta dei cittadini: grandiosa! Informazione utile: il 50% dei 350 firmatari veniva da fuori comune, anche da molto lontano.
Mossa successiva: porta a porta discreto, in bicicletta con Sandra e Alessia, abbiamo imbucato a mano una lettera di di ringraziamento (con timbro-patata, ringraziamo i bimbi per la consulenza di artattack) a tutti i firmatari e li abbiamo invitati alla prossima iniziativa.

Parole chiave: futuro, ambiente, energia, partecipazione. Abbiamo scelto di non parlare di “sinistra”, non è una parola che mobilità le energie le idee e il potenziale di questo territorio. Noi vogliamo aprire, sollecitare, includere. Marchiare un’identità, tracciare confini, sono cose che ci interessano meno.

Anche il territorio fisico di riferimento è ampio, sconfina tra Veneto e Friuli. Ci interessano gli elementi naturali che ci accomunano: i corsi d’acqua, il mare, le vie del vino; meno i confini amministrativi.

Il prossimo appuntamento sarà tra pochi giorni, il 28 novembre, alle 16 all’Hotel Spessotto; e vedremo chi viene, chi ci sta. Qui tutte le informazioni logistiche e di contenuto.

Gli ospiti che saranno con noi, Gianluca Ruggieri dell’Università dell’Insubria e Franz Foti, del comitato organizzativo del neonato partito, parleranno dei loro temi forti. Ma sarà poi l’Assemblea, attraverso il dialogo e un questionario, a scegliere i temi di lavoro su cui avviare un comitato possibile.

Migranti, azienda ospedaliera, viabilità, ambiente: i temi ci sono, sono caldissimi. La sfida è quella di mettere da parte la nostalgia, guardarsi negli occhi e provare una strada nuova per costruire e coinvolgere.

Possibile, davvero.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait