Mille biblioteche «Aylan Kurdi»

Un’immagine ha segnato questa nostra epoca fragile, in bilico tra dolore e speranza. Quella del piccolo Aylan Kurdi, col suo corpicino disteso a pancia in giù sulla sabbia, con la maglietta rossa e i pantaloncini zuppi di acqua. Tutti abbiamo pianto, ci siamo indignati, poi il tempo ci ha come anestetizzati.

Tante volte mi sono chiesto come si possa contrastare l’anestesia dei cuori e pensare un pensiero lungo, che lasci una traccia di memoria, di consapevolezza critica, di ribellione morale e di costruzione. E allora ho pensato che sarebbe bello e giusto che in ogni città italiana nascesse una piccola biblioteca interculturale dedicata ai bambini e col nome di Aylan Kurdi. Tante piccole biblioteche Aylan Kurdi, costruite con le mani, le risorse, il lavoro, l’intelligenza, la generosità dei nostri comitati.

Ogni comitato di Possibile, a seconda del contesto in cui si muove, potrà declinare l’idea in modo unico e originale. Per esempio allestendo la biblioteca dentro una stazione ferroviaria, luogo simbolo del viaggio, del movimento delle persone, presente in ogni città. Oppure dentro a una scuola dell’infanzia. Oppure in una sede di quartiere. Oppure ancora dentro un ospedale. L’importante è che la Biblioteca Interculturale Aylan Kurdi nasca ovunque come luogo di crescita della comunità per, insieme, attraverso i bambini di quella comunità.

Da accompagnare attraverso libri, video, laboratori creativi nella comprensione e nell’interiorizzazione dei processi migratori e del multiculturalismo.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati