L’Amazzonia va a fuoco, non sentite puzza di bruciato?

incendi-amazzonia

Il mon­do, o per lo meno quel pez­zet­to di esso che noi abbia­mo l’egocentrismo di chia­ma­re così, ha rivol­to milio­ni di occhi atto­ni­ti e dispe­ra­ti ver­so Pari­gi, duran­te il tra­gi­co rogo di Notre-Dame del 15 apri­le scor­so. I mag­gio­ri net­work tele­vi­si­vi del mon­do han­no rac­con­ta­to in diret­ta l’incendio, lo han­no com­men­ta­to nei minu­ti e nei gior­ni suc­ces­si­vi, con ore e ore di col­le­ga­men­ti e di dibat­ti­ti. I mag­gio­ri lea­der del mon­do si sono sen­ti­ti in dove­re di inter­ve­ni­re, chi espri­men­do il pro­prio cor­do­glio, chi offren­do il pro­prio aiu­to, chi, come Trump, met­ten­do­si a spie­ga­re come gesti­re l’emergenza. Sui social si è sca­te­na­ta la soli­ta discus­sio­ne sen­za capo né coda, che face­va eco al pes­si­mo livel­lo dei media tra­di­zio­na­li, e dal com­pa­gno del cor­so di judo che ave­te fre­quen­ta­to per sei mesi in ter­za ele­men­ta­re a vostra zia, tut­ti si sono sen­ti­ti di dire la loro, nel­la vostra timeline.

Si trat­ta di uno dei monu­men­ti archi­tet­to­ni­ci più impor­tan­ti e più bel­li al mon­do, quin­di c’è poco da stu­pir­se­ne.

Quel­lo che lascia ester­re­fat­ti è il con­sta­ta­re, per l’ennesimo vol­ta, quan­to sia pros­si­mo il con­fi­ne di que­sto nostro naso oltre al qua­le non ne voglia­mo sape­re di guar­da­re. Un naso che pare non sia in gra­do di sen­ti­re la puz­za di bru­cia­to che arri­va dal Bra­si­le, in par­ti­co­la­re dal baci­no del Rio del­le Amazzoni.

Sono gior­ni e gior­ni che la fore­sta amaz­zo­ni­ca bru­cia, a un rit­mo dell’84% supe­rio­re a quel­lo dell’anno scor­so, secon­do i dati satel­li­ta­ri, con­fer­ma­ti dal­la NASA, dell’istituto spa­zia­le bra­si­lia­no, l’INPE. Imma­gi­ni satel­li­ta­ri che mostra­no lo sta­to più set­ten­trio­na­le del­la nazio­ne suda­me­ri­ca­na, il Rorai­ma, inte­ra­men­te coper­to di fumo, men­tre il vici­no Ama­zo­nas ha dichia­ra­to lo sta­to di cala­mi­tà.

Mi ren­do con­to che Con­te, Sal­vi­ni e Ren­zi ci abbia­no offer­to uno dei pez­zi di avan­spet­ta­co­lo miglio­ri degli ulti­mi anni, ma cre­do che noti­zie del gene­re meri­te­reb­be­ro non dico una diret­ta Men­ta­na, ma quan­to­me­no un po’ di atten­zio­ne, alme­no la stes­sa che dedi­chia­mo al com­plean­no di un vip o all’ul­ti­ma bom­ba di calciomercato.

Stia­mo par­lan­do — come se non lo sapes­si­mo — del­la più gran­de fore­sta plu­via­le del mon­do, uno dei pun­ti car­di­ne del nostro eco­si­ste­ma, che peral­tro con­tri­bui­sce sen­si­bil­men­te al ral­len­ta­men­to del riscal­da­men­to glo­ba­le. E sta bru­cian­do da oltre due mesi alla velo­ci­tà di cir­ca un etta­ro al minu­to, il che signi­fi­ca che solo dal­la scor­sa set­ti­ma­na è bru­cia­ta una super­fi­cie gran­de cir­ca non quan­to la sfor­tu­na­ta cat­te­dra­le, ma l’intera cit­tà di Pari­gi.

La com­mo­zio­ne del mon­do davan­ti al rogo di Notre-Dame ha por­ta­to a una gara di soli­da­rie­tà tra i miliar­da­ri fran­ce­si e di buo­na par­te dell’occidente, com­pre­se diver­se mul­ti­na­zio­na­li, che han­no rac­col­to qua­si 900 milio­ni di euro in poche ore, per garan­tir­ne una rico­stru­zio­ne che ci augu­ria­mo tut­ti avven­ga al più pre­sto e con otti­mi risultati.

Sarà mol­to, mol­to più dif­fi­ci­le e più lun­go, se mai pos­si­bi­le, rico­strui­re quan­to stia­mo per­den­do di fore­sta amaz­zo­ni­ca. For­se non ci si può aspet­ta­re una gara di soli­da­rie­tà tra miliar­da­ri, ma un gesto da par­te loro sareb­be segno se non altro di un sano istin­to di con­ser­va­zio­ne. Se cre­do­no che i loro enor­mi patri­mo­ni li sal­ve­ran­no dal­lo scon­vol­gi­men­to, si stan­no illu­den­do.

E se abbia­mo biso­gno di un po’ di pepe, se voglia­mo ci ven­ga agi­ta­to davan­ti un bel drap­po ros­so — o, in que­sto caso, nero — ci basti ricor­da­re, come fa da tem­po Thais Boni­ni su que­sto sito, l’opera distrut­ti­va del fasci­stis­si­mo pre­si­den­te bra­si­lia­no Jair Bol­so­na­ro — che gode ovvia­men­te del­la sti­ma impe­ri­tu­ra e for­se dell’invidia di Sal­vi­ni — che dopo aver inco­rag­gia­to la distru­zio­ne del­la fore­sta per far lar­go allo “svi­lup­po”, dopo aver minac­cia­to le popo­la­zio­ni indi­ge­ne che si oppon­go­no alla deva­sta­zio­ne di casa loro (a pro­po­si­to di sovra­ni­tà), in que­sti gior­ni ha pri­ma nega­to la real­tà dei roghi, arri­van­do anche a licen­zia­re il pre­si­den­te dell’INPE, per poi dichia­ra­re che la col­pa degli incen­di è pro­ba­bil­men­te del­le ONG di sini­stra che voglio­no scre­di­tar­lo. Nel frat­tem­po, tut­ti gli esper­ti dico­no che gli incen­di in que­stio­ne sono ope­ra del­l’uo­mo. Che ne dite, vale la pena par­lar­ne? Noi di Pos­si­bi­le lo fac­cia­mo da un po’, per ora in per­fet­ta soli­tu­di­ne anche in quel­la sini­stra che dovreb­be fare dell’internazionalismo la sua ban­die­ra (non ce ne voglia­no i rossobruni).

Come ha det­to qual­che set­ti­ma­na fa Giu­sep­pe Civa­ti, il but­ter­fly effect, il cele­bre con­cet­to secon­do il qua­le il bat­ti­to d’ali di una far­fal­la può influen­za­re gli ura­ga­ni all’altro capo del mon­do, rischia­mo di notar­lo dav­ve­ro solo quan­do la far­fal­la le ali non le bat­te­rà più, o maga­ri quan­do fini­rà bru­cia­ta. For­se solo allo­ra ci ren­de­re­mo con­to che quan­to avvie­ne, ad esem­pio, anche all’altro capo dell’Atlantico, con­ta. Ecco­me. For­se solo allo­ra ci ren­de­re­mo con­to che l’emergenza cli­ma­ti­ca, e tut­to ciò che vi è con­nes­so, va affron­ta­ta come la minac­cia glo­ba­le alla nostra esi­sten­za che rap­pre­sen­ta. Subi­to.
Anco­ra non la sen­ti­te, la puz­za di bru­cia­to? Sicuri?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.