La schiavitù nelle nostre campagne (nell’anno di Expo)

pickerinfield_post

Men­tre il gover­no è impe­gna­to, non sen­za una buo­na dose di cini­smo e reto­ri­ca, a soste­ne­re l’Ex­pò di Mila­no, gran­de vetri­na del­l’a­gro­bu­si­ness, intrec­cio di inte­res­si di mul­ti­na­zio­na­li come Coca-Cola, Nestlè, Mon­san­to e Fiat, nel­le nostre cam­pa­gne, dove beni fon­da­men­ta­li alla vita come i nostri pro­dot­ti agri­co­li ven­go­no col­ti­va­ti da miglia­ia di brac­cian­ti, si con­su­ma­no tra­ge­die nel­l’in­dif­fe­ren­za qua­si gene­ra­le. Il gover­no su que­sto ver­san­te tace ipo­cri­ta­men­te, men­tre lavo­ra­to­ri e lavo­ra­tri­ci, soprat­tut­to migran­ti, costret­ti spes­so a lavo­ra­re nel­le nostre cam­pa­gne come schia­vi alle dipen­den­ze di padro­ni e capo­ra­li pri­vi di scru­po­li, muo­io­no di fati­ca, sfrut­ta­men­to e indif­fe­ren­za. Sono loro a pro­dur­re quei beni agri­co­li che poi tro­va­no posto nei nostri mer­ca­ti, nel­la Gran­de Distri­bu­zio­ne Orga­niz­za­ta e den­tro l’Ex­pò. Ma di que­sto per il Gover­no è bene non par­la­re. Chi ne par­la vie­ne tac­cia­to di esse­re un pia­gno­ne o una per­so­na anco­ra­ta ai vec­chi sche­mi. Inve­ce si trat­ta di dirit­ti e di giu­sti­zia socia­le. Non pro­prio un vec­chio sche­ma o un resi­duo ideo­lo­gi­co. È anche per que­sto che l’Ex­pò è sta­ta una gran­de occa­sio­ne man­ca­ta. Pote­va ser­vi­re per affron­ta­re alcu­ni nodi strut­tu­ra­li del mer­ca­to del lavo­ro in agri­col­tu­ra, del­la pro­du­zio­ne agri­co­la, del­la lot­ta alle agro­ma­fie, per tene­re insie­me dav­ve­ro pro­du­zio­ne di qua­li­tà e dirit­ti. Inve­ce è sta­ta ed è anco­ra soprat­tut­to una vetri­na com­mer­cia­le, la reto­ri­ca ipo­cri­ta del made in Ita­ly, di que­sto made in Ita­ly. Un vero spre­co di speranza.

È bene inve­ce ricor­da­re che nei luo­ghi rea­li del­la pro­du­zio­ne agri­co­la, ossia nei cam­pi agri­co­li del Sud come del Nord Ita­lia, si lavo­ra come schia­vi e si muo­re di fati­ca, vio­len­za, mafie e sfrut­ta­men­to per respon­sa­bi­li­tà di siste­ma di pro­du­zio­ne anco­ra trop­po padro­na­le che schiac­cia don­ne e uomi­ni trat­tan­do­li come meri ingra­nag­gi di una cate­na di pro­du­zio­ne che vuo­le solo pro­fit­to e potere.

È acca­du­to anco­ra in que­sti gior­ni. L’ul­ti­mo caso riguar­da Karim (nome di fan­ta­sia che in ara­bo signi­fi­ca digni­tà). Karim comin­cia­va a lavo­ra­re alle cin­que del mat­ti­no per ter­mi­na­re alle 13. Duran­te la pau­sa caf­fè l’im­prov­vi­so malo­re. Si è acca­scia­to in ter­ra e poi la mor­te. Ave­va solo 52 anni, era un cit­ta­di­no tuni­si­no resi­den­te a Fasa­no e svol­ge­va l’at­ti­vi­tà di brac­cian­te. Karim ha lavo­ra­to in cam­pa­gna per otto ore con­se­cu­ti­ve sot­to il sole cocen­te di que­sta esta­te infer­na­le. Ave­va cari­ca­to cas­set­te d’u­va su uno dei tir che avreb­be dovu­to lascia­re l’azienda per rag­giun­ge­re i gran­di mer­ca­ti euro­pei. È mor­to ma non è sta­to un inci­den­te. Non è mor­to solo di infar­to. È mor­to di fati­ca, sfrut­ta­men­to e indif­fe­ren­za, anche nostra. Si trat­ta del­l’en­ne­si­mo caso. È acca­du­to ad esem­pio ad Andria, dove Pao­la, brac­cian­te di 49 anni di San Gior­gio Joni­co, nel Taran­ti­no, è mor­ta stron­ca­ta dal­la fati­ca men­tre lavo­ra­va. Deces­so che nes­su­no ave­va denun­cia­to e che rischia­va di pas­sa­re sot­to silen­zio. Ad evi­ta­re que­sta tri­ste con­clu­sio­ne ci ha pen­sa­to, per for­tu­na, la Flai Cgil Puglia, che ha subi­to chie­sto l’av­vio di un’ac­cu­ra­ta inda­gi­ne. Pao­la è mor­ta la mat­ti­na del 13 luglio, sot­to un ten­do­ne in cui lavo­ra­va anche lei l’u­va, nel­le cam­pa­gne di Andria, in con­tra­da Zaga­ria. Il gover­no ita­lia­no anco­ra una vol­ta è rima­sto in silen­zio. Guar­da­va cini­ca­men­te a Mila­no. Ma a Mila­no, nei lus­suo­si padi­glio­ni del­l’Ex­pò, que­sti temi non entrano.

Pri­ma di Pao­la a mori­re di sfrut­ta­men­to e indif­fe­ren­za è toc­ca­to a Moha­med. Ave­va 47 anni, era ori­gi­na­rio del Sudan ed è mor­to men­tre lavo­ra­va come brac­cian­te, sot­to il cal­do tor­ri­do (cir­ca 40 gra­di) in un cam­po di pomo­do­ri fra Nar­dò e Ave­tra­na. La magi­stra­tu­ra ha sino­ra inda­ga­to i tito­la­ri del­l’a­zien­da agri­co­la Maria­no, mari­to e moglie, e il capo­ra­le suda­ne­se che avreb­be svol­to il ruo­lo di inter­me­dia­rio fra gli impren­di­to­ri e i lavo­ra­to­ri. Moha­med, stan­do alle pri­me rico­stru­zio­ni, era in pos­ses­so di un rego­la­re per­mes­so in quan­to richie­den­te asi­lo, ma non ave­va un con­trat­to di lavo­ro. Era uno del­le miglia­ia di lavo­ra­to­ri e lavo­ra­tri­ci sot­to ricat­to del padro­ne di tur­no nel­le cam­pa­gne ita­lia­ne. L’a­zien­da in cui Moha­med è mor­to, già nel 2012 era sta­ta inda­ga­ta dal­la Pro­cu­ra con l’ar­re­sto del tito­la­re, coin­vol­to nel­l’o­pe­ra­zio­ne ‘Sabr’ sul­lo sfrut­ta­men­to dei brac­cian­ti nei cam­pi, insie­me con tut­ti i più gros­si impren­di­to­ri del­la zona. Da allo­ra, e nono­stan­te gli arre­sti, anco­ra una vol­ta, nul­la è cam­bia­to. Ha ragio­ne Ste­fa­nia Cro­gi, segre­ta­rio gene­ra­le Flai Cgil, quan­do affer­ma che: “Que­sta mor­te non può resta­re un fat­to di cro­na­ca esti­va, è un atto di accu­sa ver­so un mer­ca­to del lavo­ro agri­co­lo col­pi­to in modo for­te dal­la pia­ga del­lo sfruttamento”.

caporalato-2Anco­ra pri­ma di Karim, Pao­la e Moha­med, un brac­cian­te india­no di nome Har­deep, ori­gi­na­rio del Pun­jab, dopo diver­si anni di lavo­ro duris­si­mo nel­le cam­pa­gne del­la pro­vin­cia di Lati­na e con buste paga di poche cen­ti­na­ia di euro al mese, ha pen­sa­to di far­la fini­ta. Duran­te la pau­sa pran­zo, nel vuo­to side­ra­le del­la sua con­di­zio­ne lavo­ra­ti­va e socia­le, ha tira­to una cor­da den­tro la ser­ra e si è sui­ci­da­to. Han­no det­to che era poco equi­li­bra­to. Era inve­ce anche lui un brac­cian­te migran­te sfrut­ta­to e ridot­to al silen­zio da un siste­ma pro­dut­ti­vo e socia­le padro­na­le che que­sta poli­ti­ca non vuo­le cam­bia­re. Har­deep è mor­to da solo, den­tro la ser­ra che lo costrin­ge­va a gua­da­gna­re cir­ca 200 euro per un mese di lavo­ro. In alcu­ne di quel­le azien­de i brac­cian­ti usa­no sostan­za dopan­ti come oppio, metan­fe­ta­mi­ne e anti­spa­sti­ci per sop­por­ta­re le fati­che impo­ste e lo sfrut­ta­men­to. È sta­to tut­to denun­cia­to dal dos­sier di In Migra­zio­ne “Dopar­si per lavo­ra­re come schia­vi”. Insie­me ai mol­ti ser­vi­zi gior­na­li­sti, agli stu­di e alle ricer­che, è man­ca­ta una poli­ti­ca di con­tra­sto allo sfrut­ta­men­to e di emer­sio­ne di quei lavo­ra­to­ri dal­le loro aber­ran­ti con­di­zio­ni di lavo­ro e socia­li. Di chi la respon­sa­bi­li­tà? Intan­to in alcu­ne azien­de agri­co­le, soprat­tut­to pon­ti­ne, guar­da casa dopo l’in­tro­du­zio­ne del jobs act e l’a­bro­ga­zio­ne del­l’art. 18, è ricom­par­so il cot­ti­mo e il capo­ra­la­to men­tre mol­ti lavo­ra­to­ri sono sta­ti obbli­ga­ti al silen­zio men­tre rac­col­go­no coco­me­ri o rava­nel­li, con il capo­ra­le che gli ruba i sol­di del sala­rio e la spe­ran­za in un futu­ro migliore.

Se si trat­ta inve­ce di lavo­ra­tri­ci, allo­ra insie­me allo sfrut­ta­men­to nei cam­pi c’è il ricat­to e la vio­len­za ses­sua­le. È la per­ver­sio­ne del siste­ma padro­na­le agri­co­lo, la vio­len­za di un modo di pro­dur­re e di pen­sa­re il mon­do che si fon­da su un infa­me machi­smo, vio­len­to e diret­to sul cor­po del­le don­ne. Nel­le cam­pa­gne del ragu­sa­no alcu­ni padro­ni e capo­ra­li addi­rit­tu­ra orga­niz­za­no festi­ni al ter­mi­ne di duris­si­me gior­na­te di lavo­ro in cui “chie­do­no” alle lavo­ra­tri­ci mol­da­ve, rume­ne o polac­che, di bal­la­re, dan­za­re e con­ce­der­si loro. É l’u­so del loro cor­po come stru­men­to per fare sol­di, per diver­tir­si, per mani­fe­sta­re il pro­prio pote­re asso­lu­to e diret­to. Si cre­do­no invin­ci­bi­li, padro­ni e padri­ni, atto­ri pro­ta­go­ni­sti di que­sto pez­zo di Italia.

caporalatoLe varie moda­li­tà di reclu­ta­men­to, ridu­zio­ne in schia­vi­tù e sfrut­ta­men­to lavo­ra­ti­vo, soprat­tut­to dei brac­cian­ti migran­ti, non sono impu­ta­bi­li solo a fat­to­ri straor­di­na­ri, a inte­res­si par­ti­co­la­ri del­le orga­niz­za­zio­ni cri­mi­na­li, nazio­na­li o inter­na­zio­na­li o a padro­ni pri­vi di scru­po­li. Si sta svi­lup­pan­do inve­ce un siste­ma roda­to che si fon­da sul­lo sfrut­ta­men­to degli uomi­ni, del­le don­ne e dell’ambiente. La schia­vi­tù non è spa­ri­ta in Ita­lia, abbia­mo sem­pli­ce­men­te smes­so di veder­la. Una pra­ti­ca quo­ti­dia­na nel­la qua­le sono costret­ti, secon­do la Flai-Cgil, cir­ca 400mila lavo­ra­to­ri agri­co­li, di cui più dell’80% stra­nie­ri. Men­tre sono sicu­ra­men­te 100mila quel­li che vivo­no una gra­ve con­di­zio­ne di sfrut­ta­men­to lavo­ra­ti­vo, oltre al gra­ve disa­gio abi­ta­ti­vo e igie­ni­co-sani­ta­rio: il 62% dei lavo­ra­to­ri stra­nie­ri impe­gna­ti nel­le sta­gio­na­li­tà agri­co­le non ha acces­so ai ser­vi­zi igie­ni­ci, il 64% non ha acces­so all’acqua cor­ren­te e il 72% dei lavo­ra­to­ri che si sono sot­to­po­sti ad una visi­ta medi­ca dopo la rac­col­ta pre­sen­ta malat­tie che pri­ma dell’inizio del­la sta­gio­na­li­tà non si era­no manifestate.

Il Gover­no nono­stan­te le mol­te inter­ro­ga­zio­ni su que­sti temi, con­ti­nua a non rispon­de, e quan­do lo fa si trin­ce­ra die­tro peri­co­lo­se vaghez­ze. Nel con­tem­po can­cel­la dirit­ti e col­pi­sce in modo sprez­zan­te quan­ti si oppon­go­no a que­sta deri­va. Ciò signi­fi­ca voler lascia­re il set­to­re pri­ma­rio nel­la mani di schia­vi­sti, sfrut­ta­to­ri, truf­fa­to­ri, fac­cen­die­ri del malaf­fa­re, mafio­si e traf­fi­can­ti di esse­ri uma­ni. È que­sta la poli­ti­ca che vole­va vol­ta­re pagi­na? E que­sta che vole­va rot­ta­ma­re la peg­gio­re Ita­lia per costrui­re un pae­se migliore?

Asso­cia­zio­ni, coo­pe­ra­ti­ve e sin­da­ca­ti come In Migra­zio­ne, la Flai CGIL, Amne­sty Inter­na­tio­nal, Medi­ci sen­za Fron­tie­re ed altre da anni moni­to­ra­no e denun­cia­to sen­za ipo­cri­sie ciò che acca­de nel­le nostra cam­pa­gne. Ini­zia­no a dif­fon­der­si alcu­ni stu­di assai docu­men­ta­ti che potreb­be­ro rap­pre­sen­ta­re una buo­na base di par­ten­za per con­tra­sta­re e poi scon­fig­ge­re il feno­me­no del­lo sfrut­ta­men­to lavo­ra­ti­vo nel­le nostre cam­pa­gne e del caporalato.

Ma il Gover­no ha cuo­re e testa altro­ve. Le cam­pa­gne sono affa­re poco inte­res­san­te; i brac­cian­ti, soprat­tut­to se migran­ti, non inte­res­sa­no, non fan­no par­te dei pia­ni. Intan­to in Ita­lia si con­ti­nua a mori­re di fati­ca, sfrut­ta­men­to e indifferenza.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.