Idee per un partito nuovo. Una Little Society

Le piat­ta­for­me con­gres­sua­li che votia­mo ser­vo­no, non dimen­ti­chia­mo­ce­lo, anche a descri­ve­re in che tipo di par­ti­to voglia­mo sta­re. Ci inter­ro­ghia­mo sul suo sen­so, sul suo ruo­lo, e sul­le sfi­de che deve affron­ta­re in un perio­do sto­ri­co dif­fi­ci­le da inter­pre­ta­re e impos­si­bi­le da ana­liz­za­re con gli stru­men­ti di ieri. Esi­ste una gran­de biblio­gra­fia in mate­ria. Mar­co Revel­li, ad esem­pio, par­la di post-par­ti­to e lega la ricon­fi­gu­ra­zio­ne del ruo­lo del par­ti­to al nuo­vo asset­to del­la socie­tà. Wal­ter Toc­ci da mesi si inter­ro­ga sul­lo stru­men­to del­la par­te­ci­pa­zio­ne in un’epoca in cui il pote­re sem­bra esau­ri­si in se stes­so. Fabri­zio Bar­ca, inve­ce, sull’onda del­la «mobi­li­ta­zio­ne cogni­ti­va», cer­ca di capi­re come ‘lega­re le rela­zio­ni vir­tuo­se’ che dai ter­ri­to­ri pos­so­no diven­ta­re non un caso iso­la­to, ma una pras­si con­so­li­da­ta. Que­sto solo per resta­re all’Italia, e agli inter­ven­ti più recen­ti. Spes­so si cer­ca di aggiun­ge­re la paro­la giu­sta a ‘par­ti­to’. Da agget­ti­vi di for­ma (gas­so­so, liqui­do, soli­do), a indi­ca­zio­ni pro­gram­ma­ti­che (pale­stra, labo­ra­to­rio, ecc.). Abbia­mo vota­to una piat­ta­for­ma con­gres­sua­le, quel­la di Pip­po Civa­ti, che si pro­po­ne­va di allar­ga­re il più pos­si­bi­le i con­fi­ni del­la par­te­ci­pa­zio­ne. Legar­la non solo solo alla mili­tan­za for­ma­le — attra­ver­so una tes­se­ra — o alle for­me tra­di­zio­na­li, ma ad una più ampia pos­si­bi­li­tà. Par­lar­ne con chi vole­va par­lar­ne. Ed era un’idea che cer­ca­va di inter­pre­ta­re sia il cam­bia­men­to vir­tuo­so e inclu­si­vo del­le for­me di par­te­ci­pa­zio­ne, sia il sen­so di un recu­pe­ro del­la mili­tan­za sto­ri­ca. Di un impe­gno for­ma­ti­vo, anche, di una ‘rivo­lu­zio­ne’ che par­te dal sin­go­lo per diven­ta­re espe­rien­za quan­to più pos­si­bi­le col­let­ti­va. Ma è sul­le ‘maglie’ di que­sta espe­rien­za che biso­gna lavo­ra­re. Lo sta­tu­to del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, ad esem­pio, reci­ta «par­ti­to fede­ra­le costi­tui­to da elet­to­ri ed iscrit­ti». Un buon pun­to di par­ten­za. Del resto, la paro­la sini­stra con­tie­ne i carat­te­ri dell’apertura, del dia­lo­go, del­la ricer­ca di sin­te­si. E le for­me di appar­te­nen­za e coin­vol­gi­men­to van­no ripen­sa­te alla luce di quel­lo che sta suc­ce­den­do sia nel­la socie­tà — nel­la misu­ra più allar­ga­ta in cui non esi­ste più un ‘den­tro’ e un ‘fuo­ri’ dai par­ti­ti, ma un reti­co­la­to com­ples­so frut­to di dia­lo­go con­ti­nuo — sia negli orga­ni­smi di pote­re. For­se il sogno di un ‘par­ti­to del­la base’ che attra­ver­so vari pas­sag­gi arri­va a pro­por­re linee da assor­bi­re a livel­lo nazio­na­le (la chia­me­re­mo ‘filie­ra lun­ga’) va accan­to­na­to per cer­ca­re un altro modello.

In que­sto momen­to sem­bra man­ca­re il dia­lo­go tra ‘base’ e ‘ver­ti­ce’. La disin­ter­me­dia­zio­ne (che non è un pro­ces­so nuo­vo, ma è insi­to all’esplosione del­la comu­ni­ca­zio­ne di mas­sa, ne par­lò Gio­van­ni Sar­to­ri già a fine seco­lo) ha di fat­to disin­ne­sca­to il ruo­lo del­la ‘filie­ra lun­ga’. Ed è nel­la natu­ra stes­sa del Par­ti­to Demo­cra­ti­co il suo esse­re un cor­po adat­ta­bi­le alle esi­gen­ze in dive­ni­re. Le strut­tu­re liqui­de non sono for­se la rispo­sta a tut­to (anzi, quan­do si par­la di moder­ni­tà liqui­da sareb­be il caso di ricor­dar­si il carat­te­re pro­fon­da­men­te cri­ti­co dell’argomentazione di Zyg­munt Bau­man), ma pos­so­no rap­pre­sen­ta­re oppor­tu­ni­tà. Per far diven­ta­re la buo­ne pra­ti­che sul ter­ri­to­rio del­le pras­si con­so­li­da­te che pos­sa­no esse­re moto­ri di cam­bia­men­ti ‘pos­si­bi­li’, for­se dob­bia­mo pen­sa­re a un rap­por­to indi­pen­den­te tra ‘base’ e ‘ver­ti­ce’. Una indi­pen­den­za dia­lo­gi­ca, ovvia­men­te, ma che par­te dal recu­pe­ro di un con­cet­to base. Quel­lo del­la comu­ni­tà.

È attor­no al con­cet­to di ‘comu­ni­tà’ che dovreb­be ruo­ta­re il sen­so di un par­ti­to con­tem­po­ra­neo. Un par­ti­to che rac­co­glie le esi­gen­ze di un luo­go, con le sue carat­te­ri­sti­che e le sue dina­mi­che (ogni luo­go è un eco­si­ste­ma com­ples­so, e ogni ten­ta­ti­vo di rego­lar­lo è fal­li­men­ta­re), e lo ren­de sem­pre più un ‘luo­go rea­le’, un luo­go del­la pras­si. I cir­co­li ter­ri­to­ria­li del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, le cui riu­nio­ni sem­bra­no sem­pre di più la stan­ca ripe­ti­zio­ne de La cosa di Nan­ni Moret­ti (e sono pas­sa­ti qua­si trent’anni), pos­so­no diven­ta­re i moto­ri atti­vi se riu­scia­mo a tra­sfor­ma­li. Se riu­scia­mo a tra­sfor­ma­li in strut­tu­re del­l’a­scol­to. Un orec­chio. Usa­re il par­ti­to come un luo­go ‘vet­to­ria­le’. Un con­net­to­re di espe­rien­ze, di pra­ti­che, di rela­zio­ni. La ‘comu­ni­tà’ può rap­pre­sen­ta­re quel cam­bio di para­dig­ma all’epoca del­la cri­si dei cor­pi inter­me­di. Se non si rie­sce a orga­niz­za­re un dibat­ti­to che por­ti a qual­che cosa e sem­bra che le for­me di dele­ga sia­no sem­pre più ‘in bian­co’ allo­ra con­vie­ne ribal­ta­re il tavo­lo. La dimen­sio­ne ‘loca­le’ può inne­sca­re un movi­men­to ‘glo­ba­le’. La gran­de rap­pre­sen­tan­za può lascia­re il cam­po a una pic­co­la rap­pre­sen­tan­za. L’idea di socie­tà può esse­re rivo­lu­zio­na­ta se mes­sa in rela­zio­ne alle tan­te pic­co­le nic­chie che tro­va­no for­me di comu­ni­tà anche inno­va­ti­ve (dai comi­ta­ti di quar­tie­re attor­no a un tema sin­go­lo, ai grup­pi di acqui­sto soli­da­le). Non cer­ca­re, come han­no fat­to i con­ser­va­to­ri ingle­si qual­che anno fa, una Big Socie­ty, che usa la soli­da­rie­tà socia­le come com­pen­sa­zio­ne in un regi­me di libe­ro mer­ca­to, ma una Lit­tle Socie­ty.

come-in

Vi rispar­mio tut­to il pre­gres­so teo­ri­co. In sin­te­si la Lit­tle Socie­ty è una socie­tà che ripar­te dal­le sue ‘uni­tà di misu­ra mini­me’. Sia nei prin­ci­pi di rap­pre­sen­tan­za, sia in quel­li di vive­re socia­le. Dove i cor­pi inter­me­di, che vivo­no una cri­si strut­tu­ra­le su cui urge rifles­sio­ne e azio­ne, si fan­no ‘con­te­ni­to­ri’ di cir­co­li vir­tuo­si. Si fac­cia­no, insom­ma, age­vo­la­to­ri di ‘capa­ci­tà’, che offro­no stru­men­ti, anche fisi­ci, per met­te­re in rela­zio­ne espe­rien­ze, pra­ti­che, com­pe­ten­ze e per­so­ne che costrui­sca­no un’alternativa soste­ni­bi­le — sia in ter­mi­ni eco­no­mi­ci che in ter­mi­ni eco­lo­gi­ci — all’attuale iper­tro­fia del­la poli­ti­ca ver­ti­ci­sti­ca. Secon­do Ulrich Beck, la comu­ni­tà diven­ta l’antidoto per ripen­sa­re alla meta­fo­ra del­la sini­stra. Sareb­be inte­res­san­te capi­re come sia pos­si­bi­le cam­bia­re lo sche­ma par­ten­do da que­ste ‘uni­tà di misu­ra mini­me’ per aprir­le, col­le­gar­le, ren­der­le vir­tuo­se (se no si cor­re il rischio che da comu­ni­tà diven­ti tri­bù, e che i pro­ble­mi si esau­ri­sco­no nel momen­to in cui il comi­ta­to di quar­tie­re x vin­ce la sua bat­ta­glia y). Pren­de­re quel­lo slo­gan che ci pia­ce­va tan­tis­si­mo think glo­bal, act local, far­lo nostro per dav­ve­ro e inte­grar­lo alla sua ‘evo­lu­zio­ne’: think local, act glo­bal. Solo in que­sto modo la pra­ti­ca socia­le — non limi­tia­mo­ci alla poli­ti­ca, suv­via — può recu­pe­ra­re una digni­tà e una cre­di­bli­tà. Solo così le rela­zio­ni pos­so­no diven­ta­re costrut­ti­ve, rove­scian­do i pic­co­li inte­res­si per­so­na­li in collettivi.

Un nuo­vo par­ti­to per una nuo­va comu­ni­tà. Un par­ti­to orec­chio. Un par­ti­to che ascol­ta. Per diven­ta­re dav­ve­ro il ter­mo­me­tro che inter­cet­ta, ana­liz­za e scio­glie i nodi cru­cia­li dei tem­pi in cui vivia­mo. Un par­ti­to che non nega e ammor­tiz­za il ‘con­flit­to’, ma lo affron­ta. Si trat­ta di un ripen­sa­men­to strut­tu­ra­le pro­fon­do. Si trat­ta di uno sfor­zo di umil­tà for­tis­si­mo. Si trat­ta di un cam­mi­no che ripen­sa il ruo­lo del­la mili­tan­za e del­la par­te­ci­pa­zio­ne. Si trat­ta di pen­sa­re alle alter­na­ti­ve e comin­cia­re a met­ter­le in pie­di. Dal­la teo­ria alla pra­ti­ca o, come dice qual­cu­no, dal­le paro­le ai fatti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.