C’è chi dice no: storia di un referendum

I cittadini dell’intera Provincia di Bolzano sono stati chiamati alle urne per esprimere il loro parere su un’opera molto controversa, da anni oggetto di grande dibattito nella Provincia: l’ampliamento o meno dell’aeroporto della città di Bolzano tramite contributi pubblici.

Dome­ni­ca 12 giu­gno in Pro­vin­cia di Bol­za­no è acca­du­to qual­co­sa di mol­to inte­res­san­te. I cit­ta­di­ni dell’intera Pro­vin­cia sono sta­ti chia­ma­ti alle urne per espri­me­re il loro pare­re su un’opera mol­to con­tro­ver­sa, da anni ogget­to di gran­de dibat­ti­to nel­la Pro­vin­cia: l’ampliamento o meno dell’aeroporto del­la cit­tà di Bol­za­no tra­mi­te con­tri­bu­ti pub­bli­ci.

Al voto refe­ren­da­rio ha par­te­ci­pa­to il 46,7% del­la popo­la­zio­ne, pari a 191.422 aven­ti dirit­to (supe­ran­do il quo­rum del 40%).

Il 70,6 % ha det­to NO – Il 29,4% ha det­to SI

Un risul­ta­to tal­men­te net­to che a poche ore dal­la con­clu­sio­ne del­lo spo­glio Arno Kom­pa­tscher, Pre­si­den­te del­la Pro­vin­cia, dichia­ra­va pub­bli­ca­men­te che ben­ché l’esito refe­ren­da­rio non sia vin­co­lan­te (si trat­ta­va di refe­ren­dum con­sul­ti­vo) inten­de rispet­ta­re il man­da­to popo­la­re: la Pro­vin­cia di Bol­za­no non darà con­tri­bu­ti pub­bli­ci all’Aeroporto di Bol­za­no e pia­ni­fi­che­rà poli­ti­che di mobi­li­tà alternative.

Que­sti i fatti.

La sto­ria del refe­ren­dum in Pro­vin­cia di Bol­za­no rac­con­ta ben altro però: par­la di una demo­cra­zia che si sfor­za di esse­re più demo­cra­ti­ca. Dimo­stra che un voto refe­ren­da­rio non è con­tro qual­cu­no, ma per qual­co­sa. Testi­mo­nia il valo­re dell’informazione, che favo­ri­sce l’apprendimento col­let­ti­vo e sti­mo­la il dibat­ti­to pub­bli­co, l’anima di una demo­cra­zia in salu­te. Dice che non c’è que­stio­ne impor­tan­te che non pos­sa esse­re capi­ta dai cit­ta­di­ni. Ricor­da che si pos­so­no ave­re opi­nio­ni diver­gen­ti sul­la sag­gez­za di una deci­sio­ne popo­la­re (dub­bi che riguar­da­no anche le deci­sio­ni degli elet­ti peral­tro), ma che in Demo­cra­zia è fon­da­men­ta­le offri­re ai cit­ta­di­ni la pos­si­bi­li­tà di espri­mer­si e deci­de­re.

Chis­sà, for­se a chi con­ti­nue­rà a leg­ge­re ver­ran­no alla men­te altre occa­sio­ni di demo­cra­zia man­ca­te. Pen­so alla cele­ber­ri­ma que­stio­ne di Roma “Olim­pia­di si o no”, pen­so alle mol­te Ammi­ni­stra­zio­ni che si rim­pal­la­no la rea­liz­za­zio­ne o il poten­zia­men­to di aero­por­ti o ince­ne­ri­to­ri o chis­sà che altro.

In que­sta sto­ria sono par­ti­co­lar­men­te inte­res­san­ti alcu­ni ele­men­ti che defi­ni­sco poli­ti­ci, inten­den­do con ciò sia i fat­to­ri di meri­to, sia il meto­do uti­liz­za­to per giun­ge­re alla decisione.

Pri­mo ele­men­to: la matu­ri­tà e la soli­da­rie­tà degli altoa­te­si­ni. Nes­sun effet­to nim­by: il “no” al pro­get­to è sta­to uni­for­me, dal­la bas­sa ate­si­na (area ogget­ti­va­men­te inte­res­sa­ta dal­lo sca­lo) sino alle val­li più a nord del­la Pro­vin­cia. Solo i Comu­ni di Cor­va­ra e Sel­va di Val Gar­de­na si sono schie­ra­ti a favo­re del “sì” – non a caso i Comu­ni dove gli inte­res­si lega­ti al set­to­re alber­ghie­ro sono più for­ti e più con­cen­tra­ti. Per inci­so: l’affluenza nel­la cit­tà di Bol­za­no è sta­ta mag­gio­re, sep­pur di poco, a quel­la del­le ele­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve del­lo scor­so mag­gio. Volen­do le segre­te­rie poli­ti­che vari dei par­ti­ti avreb­be­ro di che riflet­te­re… (Qui il det­ta­glio sui dati).

Secon­do ele­men­to: una visio­ne di svi­lup­po tra­sver­sa­le e con­di­vi­sa dai più. Il come inter­pre­ta­re e rea­liz­za­re il futu­ro del­la Pro­vin­cia è anda­to ben oltre le appar­te­nen­ze tra­di­zio­na­li. Inqui­na­men­to, salu­te, uti­liz­zo dei sol­di pub­bli­ci, model­lo di svi­lup­po turi­sti­co: di que­sto si è a lun­go discus­so e su que­sto gli altoa­te­si­ni han­no espres­so la loro opi­nio­ne. La mag­gio­ran­za ha scel­to di pri­vi­le­gia­re un turi­smo più soste­ni­bi­le (più len­to, per dir­la alla Lan­ger) e di non appro­va­re que­sto uti­liz­zo dei sol­di pubblici.

Ter­zo ele­men­to: dibat­ti­to ampio e alto livel­lo di infor­ma­zio­ne. Il Con­si­glio pro­vin­cia­le ha mes­so a pun­to un opu­sco­lo infor­ma­ti­vo con le ragio­ni del “sì” e del “no” e lo ha invia­to a 200mila fami­glie altoa­te­si­ne. Anche i Comi­ta­ti han­no fat­to la loro par­te: incon­tri infor­ma­ti­vi, volan­ti­nag­gi, pre­sen­za sul ter­ri­to­rio. La dispa­ri­tà dei mez­zi tra i soste­ni­to­ri del “sì” (che ave­va­no l’appoggio del livel­lo gover­na­ti­vo) e quel­li del “no” è comun­que inne­ga­bi­le. In futu­ro sarà neces­sa­rio inter­ve­ni­re con rego­la­men­ti che ren­da­no tra­spa­ren­ti i finan­zia­men­ti desti­na­ti alle campagne.

Ciò nono­stan­te se si fa un para­go­ne con quan­to acca­du­to in occa­sio­ne del refe­ren­dum sul­le tri­vel­le o con quan­to sta acca­den­do in vista del refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le di otto­bre l’esperienza altoa­te­si­na è da applauso.

Quar­to ele­men­to: il tema ogget­to del refe­ren­dum. Non è cer­to usua­le in Ita­lia che la popo­la­zio­ne sia chia­ma­ta a deci­de­re sul­le ope­re e sull’utilizzo del dena­ro pub­bli­co. La nostra demo­cra­zia, a dif­fe­ren­za di mol­tis­si­me altre nel mon­do, non pre­ve­de – nep­pu­re a livel­lo comu­na­le — il dirit­to dei cit­ta­di­ni di espri­mer­si sui tri­bu­ti o sul­le mate­rie finan­zia­rie in genere.

Quin­to ele­men­to: l’approccio uti­liz­za­to. La con­sul­ta­zio­ne è sta­ta volu­ta “dall’alto”, in per­fet­to sti­le ple­bi­sci­ta­rio. La chia­ma­ta alle urne è sta­ta volu­ta dal­la mag­gio­ran­za gover­na­ti­va, pri­mo fra tut­ti dal Lan­de­shaupt­mann Arno Kom­pa­tscher che vole­va legit­ti­mi­tà popo­la­re, con­vin­to di riu­sci­re ad ottenerla.

Così non è stato.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.