Partecipate alla ricognizione POSSìBILE

Saba­to 13 dicem­bre ci tro­via­mo tut­ti alle Scu­de­rie di Piaz­za Ver­di a Bolo­gna, per una gior­na­ta di con­fron­to e per lan­cia­re il nostro pro­get­to poli­ti­co POS­Sì­BI­LE, a un anno dal­le Pri­ma­rie del Pd. Pri­ma però ti chie­dia­mo di par­te­ci­pa­re alla nostra Rico­gni­zio­ne Pos­si­bi­le.

10313769_10202204343190557_1528449095872356061_n

L’8 dicem­bre 2013, giu­sto un anno fa, al gover­no c’era Enri­co Let­ta, sor­ret­to da quel­le lar­ghe inte­se per le qua­li ci dice­va­no che non c’erano alter­na­ti­ve. Alter­na­ti­ve ce n’erano, ma quel­le scel­te dal­le Pri­ma­rie in poi han­no per­si­no peg­gio­ra­to quel con­fu­so qua­dro politico.

Così è sta­to fin da subi­to, con il Pat­to del Naza­re­no sigla­to nel­la sede del Pd. Poi l’ipocrita #enri­co­stai­se­re­no e il quo­ti­dia­no cemen­tar­si di quel­la coa­li­zio­ne dal Pd alla Destra che oggi il pre­mier, rima­sto anco­ra Segre­ta­rio del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, vuo­le coa­gu­la­re intor­no ad un inde­fi­ni­to Par­ti­to del­la Nazio­ne. In mez­zo, la fumo­sa rifor­ma elet­to­ra­le, la cosid­det­ta rifor­ma del lavo­ro, men­tre si annun­cia­no rifor­me su rifor­me, e men­tre il seme­stre euro­peo è tra­scor­so sen­za lascia­re traccia.

E il Pd? Il segre­ta­rio pro­po­ne­va di rivol­ta­re il par­ti­to come un cal­zi­no: tra­spa­ren­za, par­te­ci­pa­zio­ne, con­di­vi­sio­ne. Ma dove? I tes­se­ra­ti sono spa­ri­ti, i cir­co­li loca­li sono spes­so ridot­ti a comi­ta­ti elet­to­ra­li e la par­te­ci­pa­zio­ne alle deci­sio­ni si fer­ma all’intervento fiu­me del Segre­ta­rio nel­le dire­zio­ni, ine­vi­ta­bil­men­te appro­va­te dal­la mag­gio­ran­za, e alle cene di finan­zia­men­to a cui par­te­ci­pa­no per­so­nag­gi quan­to­me­no discutibili.

Chis­sà quan­ti dei qua­si tre milio­ni che han­no vota­to alle Pri­ma­rie lo scor­so anno tor­ne­reb­be­ro oggi nei gaze­bo. Chis­sà quan­ti con­fer­me­reb­be­ro il loro voto, e soprat­tut­to chis­sà quan­ti vote­reb­be­ro anco­ra il Pd.

Da par­te nostra con­ti­nuia­mo il nostro per­cor­so con Pip­po Civa­ti. E alla pue­ri­le reto­ri­ca dei gufi, dei rosi­co­ni, rispon­dia­mo nel meri­to del­le cose con una nostra rico­gni­zio­ne sul­le deci­sio­ni che è chia­ma­to a pren­de­re il Par­ti­to Democratico.

In un par­ti­to che si ricor­da degli elet­to­ri solo la set­ti­ma­na pri­ma del voto, noi tor­nia­mo a chie­de­re la loro opi­nio­ne su qua­li sia­no le vere prio­ri­tà, per un’agenda poli­ti­ca det­ta­ta dai biso­gni del pae­se. Per ela­bo­ra­re pro­po­ste che diven­ti­no pre­sto leg­gi con le for­ze che in Par­la­men­to ci sono e sono alter­na­ti­ve al dise­gno trac­cia­to dal­le lar­ghe intese.

Sul Jobs Act, sul­lo Sbloc­ca Ita­lia, e su mol­te altre que­stio­ni che riguar­da­no il nostro per­cor­so poli­ti­co, che voglia­mo il più pos­si­bi­le con­di­vi­so.

Par­te­ci­pa alla ricognizione:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.