Il #governodellemigliori: la certificazione Equal pay per la parità retributiva

Per tut­to il mese di mar­zo ci dedi­che­re­mo a trat­ta­re le miglio­ri poli­ti­che sull’uguaglianza di gene­re pra­ti­ca­te in Euro­pa, nor­me che in Ita­lia fati­ca­no a tro­va­re spa­zio nel dibat­ti­to pub­bli­co ma che in altri Pae­si sono già realtà.

Voglia­mo ini­zia­re con una pro­po­sta dedi­ca­ta alla ridu­zio­ne del #Gen­der­Pay­Gap, la dispa­ri­tà sala­ria­le tra uomi­ni e don­ne, per­ché nes­su­na azio­ne per con­tra­sta­re il diva­rio e la vio­len­za di gene­re può rite­ner­si effi­ca­ce se a mon­te non si risol­vo­no le gran­dis­si­me disu­gua­glian­ze in tema eco­no­mi­co e lavorativo.

La vio­len­za eco­no­mi­ca è la pri­ma for­ma di vio­len­za ed è anco­ra trop­po sottovalutata.

Pro­prio in quest’ottica si muo­ve la nor­ma­ti­va del gover­no bri­tan­ni­co che ha isti­tui­to una cer­ti­fi­ca­zio­ne Equal Pay: tra­mi­te un por­ta­le i dato­ri di lavo­ro con più di 250 dipen­den­ti sono obbli­ga­ti a pub­bli­ca­re annual­men­te un report con dati sul­le dif­fe­ren­ze donne/uomini sul­la paga ora­ria, sul­la pre­sen­za di ogni gene­re in ogni quar­ti­le di paga ora­ria, sui paga­men­ti di even­tua­li bonus e sul­la con­si­sten­za degli stes­si. Il por­ta­le con­sen­te di fare un con­fron­to fra i diver­si anni (dall’anno fisca­le 2016/2017) e fra diver­si dato­ri di lavoro.

Que­sti dati ven­go­no tenu­ti in con­si­de­ra­zio­ne inter­na­men­te per pren­de­re le oppor­tu­ne con­tro­mi­su­re per col­ma­re il diva­rio sala­ria­le (ren­de­re i ruo­li api­ca­li più attrat­ti­vi per entram­bi i gene­ri, favo­ri­re un’equa valu­ta­zio­ne del­le assun­zio­ni e pro­mo­zio­ni…), sia ester­na­men­te (per l’accesso a finan­zia­men­ti pub­bli­ci, ad esem­pio). Dal­lo scor­so anno fisca­le è que­sto siste­ma di cer­ti­fi­ca­zio­ne è affian­ca­to anche da una misu­ra­zio­ne obbli­ga­to­ria dell’Etnicity Pay Gap. Pur­trop­po, cau­sa pan­de­mia, per l’anno fisca­le 2019/2020 e 2020/2021, que­sti report non sono obbli­ga­to­ri, ma gran par­te dei dato­ri di lavo­ro han­no comun­que aderito.

Leg­gi la pro­po­sta di Pos­si­bi­le per la pari­tà retributiva.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.