Cannabis – di Giuseppe Civati

Categoria: .

Cannabis – di Giuseppe Civati

12,00

Cannabis Dal proibizionismo alla legalizzazione di Giuseppe Civati nota introduttiva di Roberto Saviano pubblicato da Fandango Libri   Esiste una legge migliore…

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Disponibile

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Cannabis – di Giuseppe Civati”

Cannabis
Dal proibizionismo alla legalizzazione

di Giuseppe Civati

nota introduttiva di Roberto Saviano

pubblicato da Fandango Libri

 

Esiste una legge migliore di quella che consentirebbe di riportare nella legalità milioni di italiane e italiani, di separare il mercato dalla cannabis da quello delle droghe pesanti, di ridurre il finanziamento alla criminalità organizzata (oggi pressoché inevitabile per gran parte di coloro che fanno uso di cannabis), di far emergere una quota consistente di economia sommersa e di ricavare una cifra tutt’altro che banale per le casse dello Stato, con particolare riguardo a ciò che si potrebbe spendere per la prevenzione e, più in generale, per la Sanità? Esiste una legge migliore di quella che permetterebbe di controllare la qualità di ciò che viene immesso nel mercato, di risparmiare costi per lo Stato nelle varie fasi di repressione, indagine, in ambito giudiziario e carcerario?

Sarebbe una buona legge, in particolare per il nostro Paese dove è alto il consumo della cannabis e dove è forte, in alcuni casi molto complicata da contrastare, la presenza diffusa su tutto il territorio nazionale delle mafie.

Una legge basata sui migliori esempi a livello in- ternazionale, su regole chiare e semplici, sulla possibilità dell’autoproduzione, della costituzione di cannabis social club e di un accesso legale alla cannabis per i consumatori occasionali.

Nei giorni in cui si discute in Parlamento, per la prima volta, la possibilità di legalizzare il mercato della Cannabis, Giuseppe Civati illustra le ragioni politiche ed economiche per le quali è importante sostenere questa rivoluzione, cogliendo i punti essenziali di una buona legge e svelando le ipocrisie di chi difende ancora il proibizionismo.