2016 giugno

#

29 Giu: Banche, approvato il decreto con Odg di Possibile sull’obbligo degli scenari probabilistici

Pubblichiamo la dichiarazione di voto dell’On. Andrea Maestri durante la discussione finale sul Decreto Legge Banche. Segnaliamo inoltre che è stato approvato dal Governo un ordine del giorno presentato dalla componente AL-Possibile con cui si impegna a reintrodurre l’obbligo degli scenari probabilistici nei prospetti informativi somministrati dalle banche ai risparmiatori, perché questi ultimi siano consapevoli dei rischi dell’investimento. Andrea Maestri: “Vigileremo perché diventi ‘norma cogente’”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

27 Giu: “Proibizionismo, Criminalità, Corruzione” per riflettere sul fallimento del sistema penale

In un cantiere parlamentare aperto, come quello sulla legalizzazione della cannabis, la lettura del libro “Proibizionismo, Criminalità, Corruzione”, a cura di Maria Antonietta Farina Coscioni e Carla Rossi, diventa preziosa, perché all’approccio ideologico del proibizionismo contrappone la serietà e l’umiltà operosa del metodo scientifico.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

25 Giu: Lettera a Pablo Iglesias

Caro Pablo, alla vigilia del voto in Spagna che ci auguriamo offra la possibilità di un cambiamento, ti scrivo per chiederti di affrontare la sfida che avete lanciato nel vostro paese anche a livello europeo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

24 Giu: Brexit, Civati: Non bisogna abbandonarsi alla paura

Non è più il tempo dei distinguo e di cercare ‘piani B’, e nemmeno bisogna abbandonarsi alla paura e allo sconforto. È il tempo di una grande mobilitazione politica che coinvolga direttamente i cittadini. La nota del segretario nazionale di Possibile Pippo Civati.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

24 Giu: Dopo la Brexit serve il coraggio degli europeisti

Come dare sostanza all’europeismo evitando che si trasformi in un mantra a cui non crede più nessuno? Come rilanciare il progetto uscendo dall’angolo in cui ci hanno confinato anni di austerità, di “Grandi coalizioni” e di sistematica riduzione dei diritti del lavoro alle quali “non ci sono alternative”?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •