2016 febbraio

#

29 Feb: Se dopo Expo c’è ancora Expo

«E’ una fantastica ciliegina sulla torta per la ricerca nel nostro Paese. Peccato che manchi la torta». Queste le parole con le quali Giorgio Parisi, uno dei più autorevoli fisici mondiali, ha descritto Human Technopole, il polo di ricerca che, nei progetti del governo, sorgerà nell’area che ha ospitato i padiglioni di Expo 2015.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

25 Feb: Armi all’Arabia Saudita: la condanna dell’Europa, il silenzio di Renzi

A differenza del nostro Paese e del nostro Governo, il Parlamento europeo non resta a guardare una delle più gravi crisi umanitarie odierne. Le bombe dell’Arabia Saudita, che hanno colpito e stanno colpendo città e villaggi in Yemen, hanno già causato almeno 20.000 morti, rendendo inaccessibili i servizi essenziali ad oltre l’80% della popolazione.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

25 Feb: I banchetti di Possibile per la #CannabisLegale

Possibile torna in piazza con i suoi banchetti. Dopo l’estate referendaria che ha unito i comitati di tutta Italia, e dopo la battaglia vinta accanto a Massimo “Max” Fanelli, per la calendarizzazione della legge su “Fine vita”, torniamo ai banchetti con la petizione #CannabisLegale.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

25 Feb: Siamo in guerra (ma non lo diciamo)

Sembra strano, ma nessuno lo dice con chiarezza. Siamo in guerra. Alleati con gli Stati Uniti, contro l’Isis in Libia, a 300 km dalle nostre coste. Siamo in guerra a seguito di una dichiarazione unilaterale, arrivata direttamente dalla Casa Bianca.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

24 Feb: E se avesse avuto ragione Zanda?

Fiutata la preda, al Nuovo centro destra non deve esser parso vero poterla afferrare, azzannarla e stringerla così facilmente, quasi affondando, piccola lama contorta, nel burro caldo del corpaccione del Partito democratico.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

24 Feb: Candidiamo l’Uguaglianza #U2016

Vorremmo che fosse la nostra campagna elettorale per il 2016, in cui sia candidata l’Uguaglianza, parola scomparsa dal lessico politico per troppi anni e ora ritornata con forza e con drammaticità nella vita di molti, quasi tutti.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

23 Feb: Contro l’apatia: chi saranno i prossimi?

Ora tocca ai sostenitori dei diritti civili. Che non pensavano di fare la fine delle insegnati, degli ambientalisti, dei lavoratori più sindacalizzati.
E si arrabbiano un casino e si dicono sorpresi e non si capacitano.
E invece è così, è una matrice: larghe intese, centrismo, ipocrisia, doppio gioco.
Chi saranno i prossimi?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

22 Feb: 194: la piena applicazione è #possibile

Per intervenire alla radice del problema abbiamo depositato una proposta di legge che mira alla piena applicazione della legge 194, intervenendo perciò direttamente sulle cause, assicurando che tutti gli enti ospedalieri e tutte le case di cura autorizzate siano poste nelle condizioni di garantire quanto prescritto dalla legge, disinnescando le conseguenze che – in molte strutture – ha l’obiezione di coscienza.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

20 Feb: Italians for Bernie Sanders

Sanders partiva con uno svantaggio abissale. Ha pareggiato in Iowa e stravinto in New Hampshire. In Nevada sta superando la Clinton guadagnando ogni giorno qualche decimo. E’ popolarissimo tra i “millennials”, i ragazzi nati negli anni Ottanta e Novanta, in barba alle presunte regole per cui per piacere ai giovani bisogna essere giovani. Bernie ha fatto capire al mondo che quel che conta non è l’età: sono le idee, è la squadra, e soprattutto è operare una rivoluzione vera.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

19 Feb: Armi italiane in Yemen: otto domande a Matteo Renzi

La situazione in Yemen è esplosiva, soprattutto da quando la coalizione guidata dall’Arabia Saudita (senza alcun mandato o copertura della comunità internazionale) ha deciso di procedere a bombardamenti su città e villaggi. Si parla di oltre 20.000 morti (tra cui diverse centinaia bambini) e di oltre l’80% della popolazione senza accesso ai servizi essenziali. Senza dimenticare i bombardamenti sugli ospedali.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •